Ricevi Aleteia tutti i giorni
Iscriviti alla newsletter di Aleteia, il meglio dei nostri articoli gratis ogni giorno
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Davvero il centurione dei Vangeli aveva una relazione gay con il proprio servo?

Clavius (Joseph Fiennes) leads his Roman soldiers during the zealot battle in Columbia Pictures' RISEN.
Condividi

Da qualche anno a questa parte si accredita da parte di certi ambienti questa blasfema sciocchezza, priva di qualsivoglia sostegno filologico

La liturgia

Fino alla riforma liturgica seguita al Concilio Vaticano II e concretatasi nel Messale Romano di Paolo VI del 1970, la giaculatoria

Domine, non sum dignus ut intres sub tectum meum, sed tantum dic verbo et sanabitur anima mea

veniva recitata per tre volte, dal solo sacerdote, immediatamente prima della distribuzione delle particole consacrate ai fedeli. Questi, se assistevano devotamente alla messa, si limitavano a battersi il petto durante la reiterazione della formula. Quest’ultima, dunque, è stata conservata perché molto antica, ma la reiterazione e il battito del petto, elementi devozionali non attestati prima del messale di san Pio V, sono stati soppressi: la messa riformata è per certi versi “più artefatta” della messa tridentina, ma solo come lo sono tutte le cose restaurate – uno dei criterî che hanno guidato la riforma postconciliare, non sempre ugualmente felice, è stato quello della restituzione della liturgia originaria della Chiesa.

Ora, una larga attestazione della “preghiera del centurione” ci viene dai sacramentarî fin dall’XI secolo, nell’Occidente latino; già a partire dai testi del X secolo, però, assistiamo a una forte diffusione della giaculatoria nelle chiese di rito latino.

Pagine: 1 2 3 4

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni