Ricevi Aleteia tutti i giorni
Solo le storie che vale la pena leggere: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

12 vaccinazioni obbligatorie sono una scelta giusta? Le ragioni del sì

Condividi

Il professor Alberto Giovanni Ugazio illustra le motivazioni alla base del decreto del Ministro della Salute

Quali sono le malattie esantematiche? Quante sono? Il professore Alberto Giovanni Ugazio, direttore dell’Istituto Bambino Gesù per la Salute del Bambino e dell’Adolescente, ci ha aiutato a fare un po’ di chiarezza e a sfatare alcune false convinzioni che spesso portano fuori strada i genitori.

Malattie esantematiche: Quali sono? Quante sono?

«Non esiste una classificazione così schematica. Le malattie esantematiche sono quelle che si manifestano con degli esantemi, cioè delle macchioline sul corpo. Sono malattie infettive in parte causate da batteri e in parte da virus che colpiscono tipicamente i bambini. Le più diffuse, soprattutto in epoca pre-vaccinale, sono il morbillo, la varicella, la rosolia causate da virus, la scarlattina dovuta invece ad un batterio, lo streptococco, la V malattia e la VI malattia sono anch’esse causate da virus. La prima, il cosiddetto megaloeritema infettivo, è causata dal Parvovirus B19 e si manifesta con un esantema che conferisce al volto un aspetto “a guance schiaffeggiate”. La VI malattia invece, chiamata anche “exanthema subitum”, è causata dall’herpes-virus 6. Inizia con una febbre molto alta che crolla dopo tre giorni con la comparsa di un esantema diffuso a tutto il corpo che, a sua volta, regredisce rapidamente nel giro di un paio di giorni».

La parotite (gli orecchioni) allora non sono una malattia esantematica come comunemente si ritiene?

«Gli orecchioni nel linguaggio comune vengono considerati tra le malattie esantematiche, ma non lo sono. Si manifestano clinicamente con una tumefazione delle parotidi, ghiandole salivari che si trovano sotto le orecchie e non si caratterizzano per un esantema».

I vaccini proteggono totalmente dalle malattie esantematiche?

«Il vaccino ha una sua efficacia che non è mai al 100%. Nella vita non esiste nulla di certo, tranne la nascita e la morte. I vaccini sono efficaci, sicuri, tra i farmaci sono i più sicuri ma non hanno mai un efficacia al 100%, alcuni dell’80, altri del 90-95 %. C’è sempre una certa percentuale di bambini che non risponde al vaccino. Nella stragrande maggioranza dei casi la protezione è assoluta, il bambino vaccinato per il morbillo ad esempio normalmente non lo contrae affatto, qualche volta invece, anche se vaccinato, si ammala di una forma molto più lieve. E in alcuni rari casi può anche contrarlo in una forma abbastanza evidente anche se modesta. In questo periodo in particolare ci troviamo di fronte al problema del morbillo, dall’introduzione del vaccino non ci sono mai stati così tanti casi come in questo momento. Addirittura gli Stati Uniti mettono ufficialmente in guardia i loro cittadini dal recarsi in Italia con i bambini, in quanto il nostro paese è considerato ad alto rischio di contagio per questa malattia.
Infatti è proprio di questi ultimi mesi la notizia relativa al picco di morbillo registrato ultimamente nel nostro Paese. A livello Europeo, l’Italia compare al secondo posto, dopo la Romania, nella classifica delle nazioni più colpite.

Pagine: 1 2 3

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni