Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 16 Settembre |
Santi Cornelio e Cipriano
home iconFor Her
line break icon

Tuo figlio universitario si comporta ancora come un bambino?

Shutterstock

Calah Alexander - pubblicato il 08/06/17

Ecco come stabilire confini chiari quando vostro figlio torna a casa per l'estate

Amo vedere tutti i post di Facebook degli studenti universitari, che tornano a casa per le vacanze estive con i sedili posteriori pieni di biancheria da lavare. Ogni volta mi colpiscono, perché ricordo quei giorni. Meno piacevoli sono i post degli altri genitori, i cui figli sono tornati a casa per l’estate ricadendo subito nella modalità “bambino”. Ricordo l’estate in cui stavamo facendo visita ai miei genitori e mio fratello minore è tornato dal college, ha lasciato la biancheria sporca nella camera addetta alla lavanderia ed è rimasto lì a guardarla con uno sguardo perplesso e patetico finché non mi ha fatto pena e sono intervenuta. Scary Mommy ha inserito un post fantastico di recente su come sopravvivere all’estate con i figli universitari, soprattutto riguardo al loro voler porre dei confini solo da un lato:

Va bene – i nostri figli hanno cercato di stabilire dei confini per noi, e quando inevitabilmente li superiamo rischiamo l’accusa di aver in qualche modo attaccato la loro fragile età adulta che sta sbocciando. Nel frattempo, si trascinano in casa nostra calpestando tutti i nostri diritti come hippy a Woodstock sotto una tempesta di pioggia.

Non dimenticherò mai quando mia madre mi ha telefonato poco prima delle vacanze per la festa del Ringraziamento al mio primo anno di college dicendo che nella pausa dovevo assolutamente tornare a casa e ripulire la mia vecchia camera.“Ma perché?”, ho chiesto stupita. “Verrò comunque a casa per l’estate e altre volte, quindi perché non puoi lasciare le mie cose lì?”

Non mi era mai venuto in mente, da quando mi ero trasferita, che potesse voler usare quello spazio per qualcos’altro – o qualcun altro –, o che volesse semplicemente che fosse pulito anziché un caos. Anche se avevo proclamato orgogliosamente “Non vivo più a casa”, pensavo ancora a quella come casa mia. Non potevo concepire l’idea di non avere più un posto in casa mia.

Ma il mio posto non c’era più. Mio fratello minore si era impossessato della mia stanza, e quando sono tornata a casa per il Ringraziamento ho dovuto dormire nella sua vecchia camera (mia madre è stata tanto gentile da togliere almeno le lenzuola dei Power Rangers…). È stato comunque un bene, perché non sono più tornata a casa. Non ho smesso di pensare a quella come alla mia casa finché non mi sono sposata, ma tornare a casa non è mai sembrata una vera opzione dopo di allora. Dovevo trovarmi un posto tutto mio, e l’ho fatto.

C’erano altri confini posti dai miei genitori, come farmi pagare il cibo e (a differenza di mio fratello) lavare i miei panni, ma nessuno mi ha dato fastidio come il primo. Darmi un nuovo spazio come “ospite” temporaneo piuttosto che come occupante permanente è stato il confine più potente che potessero stabilire, perché era una chiara definizione della mia transizione dall’infanzia all’età adulta.
E allora, se vostro figlio universitario torna a casa portando i panni sporchi e volendo essere trattato sia come un adulto che come un bambino, è un buon modo per fissare un confine senza dover stare tanto a discutere. Non fatelo comunque dormire sulle lenzuola dei Power Rangers.




Leggi anche:
Consigli per chi è chiamato ad educare i giovani ad un uso corretto dei dispositivi digitali

[Traduzione dall’inglese a cura di Roberta Sciamplicotti]

Tags:
educazionemillennialsvacanze

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
2
EUCHARIST
Philip Kosloski
Preghiere da recitare all’elevazione dell’Ostia a Messa
3
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
4
GETAFE
Dolors Massot
Due sorelle giovanissime diventano suore contemporaneamente a Mad...
5
Gelsomino Del Guercio
Don Ambrogio Villa: il demonio mi ha fatto vergognare durante un ...
6
THERESA GIUNI
Unione Cristiani Cattolici Razionali
Giuni Russo è giunta fino a Cristo per mano d...
7
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni