Ricevi Aleteia tutti i giorni
Solo le storie che vale la pena leggere: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

“Così il pene entra nella vagina”. L’assurda lezione di una maestra di quinta elementare

Condividi

Accade a Modena. Genitori in subbuglio.

Si può’ definire educazione sessuale quello che è avvenuto in una scuola elementare di Modena?

Una insegnante della classe quinta della scuola di Sant’Agnese, nel quartiere di Vaciglio, ha tenuto una lezione che sa davvero poco di educativo.

Come scrive La Gazzetta di Modena (8 giugno) ai bambini sono stati consegnati dei disegni in cui si vedono un uomo e una donna nudi e abbracciati, e un testo, che spiega il concetto di “amarsi”: «Quando una donna e un uomo scoprono di piacersi – si legge – desiderano stare insieme, parlano, giocano, fanno passeggiate e vanno al cinema. Talvolta sentono molto forte il bisogno di ricevere e dare tenerezza».

CAREZZE E PAROLE

Proseguendo, il testo diventa però sempre più esplicito nel descrivere il rapporto sessuale dei genitori: «Si baciano e si accarezzano per tutto il corpo – si legge ancora – esprimono con parole affettuose l’amore che provano».

L’ORGASMO

Segue la descrizione dell’atto sessuale. «Allora il pene dell’uomo diventa grande e duro e la vagina della donna si inumidisce: per tutti e due è molto bello quando la donna fa penetrare il pene rigido dell’uomo nella sua vagina. I due – si legge ancora nel testo distribuito in classe – lo fanno muovere avanti e indietro nella vagina e provano un piacere intenso. Sussurrano, ridono felici: sono i rumori che forse qualche volta hai sentito provenire dalla camera di mamma e papà».

Dopo aver spiegato che cosa è l’orgasmo, il documento si chiude quindi ricordando che «alcuni chiamano questi momenti “fare l’amore”, ma a seconda dei Paesi si chiama in tanti altri modi»

Leggi anche: Adolescenza e sesso prematuro. Cosa devono fare i genitori?

“TU FAI LE STESSE COSE CON MAMMA?”

Parole che hanno lasciato perplessi i genitori degli alunni, come Franco Piacentini, presidente dell’associazione Familiari e Vittime della Strada: «Mio figlio di dieci anni – spiega – è tornato a casa molto incuriosito, dicendo che in classe si era parlato di questi temi e chiedendomi se faccio le stesse cose con la mamma».

«Ovviamente non sapevo cosa rispondere – incalza – perché il testo del documento consegnato ai bambini mi sembra decisamente troppo esplicito, e perché credo che una cosa del genere andrebbe condivisa con i genitori, che così almeno sarebbero pronti a fare i conti con domande come questa… insomma, non è certo l’argomento o il fatto che se ne sia parlato a scuola a preoccuparmi, ma il modo in cui è stato affrontato, tenendo conto che si tratta di bambini di dieci anni».

“SI PERDE IL SENSO DELLA MISURA”

All’esterno dell’istituto, l’imbarazzo era tangibile e pare che la maestra sia stata chiamata a ‘colloquio’ dalla dirigente scolastica. «Qui ci sono insegnanti che perdono il senso della misura – si lamenta un papà – e mi pare un po’ prestino per parlare di certe cose. Bastava un’infarinata sull’apparato riproduttivo senza scendere nei particolari», conclude il genitore (Il Resto del Carlino, 8 giugno).

LA GIUSTIFICAZIONE DELLA PRESIDE

La preside, dal canto, prova a giustificarsi e ribadisce che la richiesta è stata condivisa coi genitori nell’assemblea del 26 aprile: «Vista la comparsa di alcuni comportamenti di curiosità mista a malizia in ragazzini che a 11 anni manifestano i primi atteggiamenti tipici della preadolescenza – scrive – era stato esplicitamente richiesto alle maestre di affrontare il discorso in maniera didattica in modo che ogni genitore potesse poi proseguirlo a casa in modo personale» (La Repubblica, 8 giugno).

Leggi anche: Come parlare di sesso a mio/a figlio/a adolescente?


Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.