Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
mercoledì 12 Maggio |
San Pancrazio
home iconStorie
line break icon

Io, Dio e la mia vita sotto scorta

Paolo Borrometi mafia

Paolo bocri - CC

Credere - pubblicato il 07/06/17

«Sento la responsabilità dei soprusi delle vittime del malaffare», dice il giornalista Paolo Borrometi, minacciato dalla mafia dopo i suoi articoli di denuncia

di Marco Pozza

«C’è un verso del salterio che mi ripeto spesso: “Vedi la mia povertà e la mia fatica e perdona tutti i miei peccati” (Salmo 25,18). Chissà quante volte sbaglio nella mia giornata, ferendo qualcuno che non merita. La sera sento il bisogno di riappacificarmi con il mondo». Non ha la faccia del profeta antimafia: dietro gli occhiali trasparenti c’è tutto lo sguardo timido e discolo di Paolo Borrometi, giornalista ragusano di trentatré anni, al quale la mafia l’ha giurata da tempo. Ha ancora una spalla e mezza: la metà che manca gliel’hanno fracassata a mo’ d’intimidazione: «Il 16 aprile 2014 vado in campagna per dare da mangiare al mio cane. Da dietro, due sagome nere mi tendono un agguato. Uno mi prende il braccio destro, me lo gira dietro la spalla: un dolore atroce, persino a descriverlo. L’altro mi colpisce le gambe facendomi cadere. Poi si divertono a calciarmi, entrambi», racconta con lo sguardo di chi, dopo quell’attimo, s’è trovato dentro una vita terribilmente diversa. «Prima d’andarsene, mi urlano: “T’affari i cazzi tui. U’ capisti?”. I trenta secondi più lunghi della mia vita. Il braccio, curato, è tornato quasi a funzionare. Quella frase, invece, mi martella in continuazione».

LA SCELTA DI RESISTERE
Tre giorni per meditare sul da farsi, poi la decisione d’andare avanti. Di più: d’andare fino in fondo a quella strana faccenda che ha drogato la sua isola di un’ordinaria anormalità: «La mia terra è babba (stupida), come diciamo noi: maldestramente convinta d’essere immune da qualsiasi presenza mafiosa per il solo fatto di averne esorcizzato l’esistenza». Un lembo d’Italia che ha visto nascere uomini come Giorgio La Pira, Salvatore Quasimodo, Gesualdo Bufalino, Piero Guccione, il giornalista Giovanni Spampinato «ucciso a ventisei anni per aver scritto troppo. Per me, quarantaquattro anni dopo la sua morte, è un mito ancora vivente».

Paolo lavora con la penna e il cuore sulla terra di Scicli, paese legato alla fortunata fiction Il Commissario Montalbano, e di Vittoria, il più grande mercato ortofrutticolo del Sud-Italia. Lo minacciano — «Stai attento», gli scrivono nella sua station wagon —, lui insiste: pubblica, in estrema solitudine, la prima puntata sul boss di Scicli, quello che chiedeva il pizzo per ogni manifesto della campagna elettorale. Se non è vittoria, è purtroppo vendetta: rovinosa, tragica, secca. Anche asciutta: «Sono tornato a vivere dai miei genitori. Un giorno mi bruciano la porta di casa. Mio padre rilancia: “Mai giù, sempre su”».

VIVERE SOTTO SCORTA
A Borrometi hanno fatto saltare i tendini della spalla, alle cosche ragusane — e agli altri gruppi mafiosi con i quali fanno affari — sono saltati i nervi. Il sindaco di Scicli viene raggiunto da un avviso di garanzia, il boss arrestato, la città di Montalbano commissariata. Il capomafia Gionbattista Ventura, che l’ha condannato a morte per averne svelato le trame criminali, spedito a processo: «Ho detto più volte che la terra di Trinacria non può essere solo terra di eroi, lapidi e commemorazioni. Un popolo di cinque milioni di persone non può accettare d’essere schiavo di poco più di settemila mafiosi». L’unico dovere di un giornalista è scrivere ciò che vede: «Sono nato con la voglia di raccontare la mia terra. Se un giornalista non scrive la verità avrà la responsabilità sulla coscienza dei soprusi dei cittadini vittime del malaffare». Parole che segnano percorsi, prendendo posizione.

Minacciato a più riprese, lo costringono ad abbandonare l’isola, vivendo sotto scorta: «La Sicilia è una terra straordinaria e disgraziata: la amo per questo. È una terra nella quale la mafia, come ha avuto un inizio, avrà anche una fine». La mafia, però, non lo perde di vista, ovunque egli vada: «Falcone diceva che sono due i modi per uccidere l’uomo: fisicamente o con l’isolamento. Troppe volte la Sicilia ha isolato chi faceva il proprio lavoro, salvo piangerli quando non ci sono più».

LA DENUNCIA DELLE AGROMAFIE
Non si rassegna il giornalista Borrometi. Affina il fiuto, vanga i faldoni giudiziari, scava come un aratro nei dettagli più sottili. Ingaggia una battaglia temeraria contro le agromafie: «Un business che supera i 16 miliardi l’anno. Sono lo sfruttamento della persona, dal campo dove si raccoglie (il fenomeno del caporalato, ndr) al bancone dove si vende, passando per la gestione dei trasporti». Una vera holding: «Stidda e Cosa Nostra si dividono gli affari locali, la ’Ndrangheta gestisce la cocaina, la Camorra gestisce i trasporti». Dietro i pomodori ciliegini, le melanzane e i frutti, il suo sguardo da cronista inflessibile svela il triangolo dell’ortofrutta: Vittoria, Fondi, Milano. La sfrontata intesa di una vera e propria holding: «Con il fenomeno delle agromafie abbiamo scoperto la capacità delle piovre criminali di fare squadra dividendosi la torta. È una torta enorme, c’è guadagno per tutti». La loro fortuna è stata quella di essere considerate mafie di “serie b”: ignorate, hanno potuto agire indisturbate. Parole di denuncia, scagliate con nobiltà: «Non tutti gli uomini sono cattivi: molti sono infelici. Penso che dovremmo avere maggiore carità aiutandoli a costruire un’alternativa di vita. A questo dovrebbe servire il carcere, altrimenti saranno condannati allo sbaglio».

FEDE E SOLITUDINE
La paura rimane accovacciata: «Ho tante paure, non le nascondo. Quando qualcuno mi passa accanto, ancora oggi sobbalzo. La paura più forte, però, è l’isolamento: l’ho vissuto, è atroce». Paura che stringe alleanza altrove: «Ho la grande fortuna di avere avuto il dono della fede: tante lacrime le ho versate durante le mie preghiere fatte di notte. Percepivo che non erano lacrime vane, erano lacrime asciugate». Non c’è paura, però, più forte di chi, nell’inferno, non smarrisce l’ardire del sogno: «Rendermi conto, un giorno, che ne sia valsa la pena».

UN GIORNALISTA CHE COSTA CARO
Paolo Borrometi nasce a Ragusa il 1° febbraio 1983. Inizia la sua avventura giornalistica con Il Giornale di Sicilia. Collabora con l’Agi (Agenzia giornalistica italiana) per la provincia di Ragusa, Il Tempo e Articolo 21. Nel 2013 fonda la testata giornalistica di inchieste online La spia. Il 21 dicembre 2015 il presidente della Repubblica gli conferisce l’onorificenza di Cavaliere dell’Ordine al merito della Repubblica italiana. Nel 2016, nell’ambito del Premio internazionale “Biagio Agnes”, gli viene conferito un premio speciale. Dall’agosto 2014 vive sotto la scorta dei Carabinieri.

Tags:
mafiatestimonianze di vita e di fede
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
chiara amirante,
Paola Belletti
Perché dobbiamo pregare per la guarigione di Chiara Amirante
2
PRAY
Philip Kosloski
Come sapere se la vostra anima ha subìto un attacco spirituale?
3
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
4
Web católico de Javier
Aneddoti che raccontano l’umorismo di Padre Pio
5
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
6
rosary
Aleteia
Sapete quali sono i sacramentali istituiti dalla Madonna?
7
Gelsomino Del Guercio
Marino Bartoletti: mi sono affidato alla Madonna dopo la morte di...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni