Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
venerdì 05 Marzo |
San Giovanni Giuseppe della Croce
home iconChiesa
line break icon

10 santi che sono stati soldati (e forse non lo sapevate)

SOLDATI SANTI

M a n u e l-cc

Maria Paola Daud - pubblicato il 06/06/17

La maggior parte di loro ha finito i propri giorni con il martirio

Forse non sai che molti santi sono stati soldati o guerrieri che hanno combattuto per il loro paese o stato, molti di loro addirittura perseguitavano i cristiani prima di abbracciare la loro stessa fede.

Qui citiamo i più noti, ma ci sono stati numerosi militari che sono finiti per diventare guerrieri di Cristo.

San Sebastiano

Fu un soldato dell’esercito romano ai tempi di Diocleziano, incontrò la disciplina militare ma non partecipò a sacrifici pagani considerandoli idolatri. Come cristiano, esercitò l’apostolato tra i suoi coetanei, visitando e incoraggiando i cristiani imprigionati a causa della loro religione.

Fu scoperto e denunciato all’imperatore Massimiano, che lo costrinse a scegliere tra l’essere un soldato o seguire Gesù Cristo. Il santo scelse di seguire Cristo. I soldati dell’imperatore lo portarono nell’arena, lo denudarono, lo legarono ad un palo e fecero scendere su di lui una pioggia di frecce per ucciderlo.

Tuttavia, i suoi amici si avvicinarono e, vedendolo ancora vivo, lo portarono nella casa di una nobildonna romana cristiana di nome Irene, moglie di Castulo, che lo nascose e mantenne le sue ferite fino a quando non fu rianimato. I suoi amici gli consigliarono allontanarsi da Roma ma Sebastiano rifiutò categoricamente.

Si presentò davanti all’imperatore, disorientandolo perché lo credeva morto, e criticò fortemente la sua condotta nel perseguitare i cristiani. Massimiano lo fece flagellare a morte, e i soldati questa volta compirono la loro missione senza errori, gettando il suo corpo in un pantano. I cristiani lo recuperarono e lo seppellirono sulla via Appia, nella famosa catacomba di nome San Sebastiano. Morì nell’anno 288.

SAN SEBASTIANO
dominio pubblico

San Giorgio

La leggenda probabilmente ha avuto origine nel IV secolo e racconta la storia di Giorgio, un romano che dopo la morte del padre Geronzio, ufficiale dell’esercito romano, si trasferì con la madre Policromia nella città natale di lei, Lydda (oggi Lod, in Israele). Lì, Policromia poté educare il bambino nella fede cristiana, e poco dopo la sua maggiore età questi si arruolò nell’esercito.

A causa del suo carisma, rapidamente e prima dei 30 anni Giorgio fu assegnato a Nicomedia come guardia personale dell’imperatore Diocleziano. Questi, nel 303, emise un editto che autorizzava la persecuzione dei cristiani in tutto l’impero. Giorgio, che aveva ricevuto l’ordine di partecipare, confessò che anche lui era un cristiano e di Diocleziano gli ordinò con la tortura di apostatare, ma senza successo. Così venne ordinata l’esecuzione e Giorgio fu decapitato fuori delle mura di Nicomedia il 23 aprile 303.




Leggi anche:
È uno dei santi più venerati, ma è mai esistito?

San Giorgio
dominio pubblico

Santa Giovanna D’Arco

Giovanna D’Arco, conosciuta come la Pulzella d’Orleans, a tredici anni disse di aver visto San Michele, Santa Caterina e Santa Margherita, e che questi l’avevano esortata a condurre una vita devota e pia. Pochi anni dopo, si sentì chiamata da Dio a una missione che non sembrava adatta a una contadina analfabeta: guidare l’esercito francese, incoronare re il Delfino a Reims ed espellere gli inglesi dal paese. Combatté con forza per il suo paese, ma alla fine fu catturata dal nemico, condannata in un processo iniquo e bruciata sul rogo.




Leggi anche:
L’amore di Mark Twain per Giovanna d’Arco

Santa Giovanna D'Arco
dominio pubblico

  • 1
  • 2
  • 3
Tags:
cristianesimocuriositàguerraSanti
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
L’ostia “vola” sospesa in aria: il miracolo eucaristi...
2
FUMETTI MATRIMONIO DIO
Catholic Link
5 immagini su cosa accade in un matrimonio che ha Dio al centro
3
Gelsomino Del Guercio
Prete morto per Covid: lo aveva “profetizzato” in una...
4
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
5
Lucandrea Massaro
Benedetto XVI conferma la fedeltà a Francesco «Non ci sono due Pa...
6
PUSTYNIA
Felipe Aquino
Attenzione alle penitenze assurde in Quaresima
7
POPE AUDIENCE
Gelsomino Del Guercio
Il Papa: il diluvio è il risultato dell’ira di Dio, può arrivarne...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni