Ricevi Aleteia tutti i giorni
Comincia la tua giornata nel modo migliore: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Quando e in che modo fare a meno del pannolino?

Condividi

In genere è tra i 18 e i 24 mesi che i bambini cominciano a sembrare incuriositi dal water: è qui che inizia il percorso verso l’abbandono del pannolino

L’abbandono del pannolino è un processo graduale, attraverso il quale tutti i bambini passano. In genere, fra i 18 e i 24 mesi, i bambini incominciano a sembrare incuriositi dal water: iniziano a comprendere concetti come “questo è il tuo vasino, quello grande è di mamma e papà” e cominciano a ricercare ordine e pulizia. Attorno a questa età si manifesta inoltre la volontà del piccolo di imitare quanto fatto dagli adulti o dai fratelli maggiori nell’uso del water. Assecondare la curiosità e tale istinto imitativo può essere un buon punto di partenza per dare il via all’apprendimento di questa delicata attitudine. I genitori devono essere disponibili ad accogliere i segnali del proprio figlio.

LA SCOPERTA DEL VASINO

Attorno ai 30 mesi, i genitori possono provare a saggiare la sua disponibilità, tentando di fare a meno del pannolino nel corso della giornata. Generalmente è consigliabile attendere la stagione calda. Nei primi tempi saranno decisamente numerose le occasioni in cui il bambino si bagnerà: il controllo della vescica, infatti, non è ancora completamente maturo. Gradualmente il bambino sarà in grado di riempire la vescica senza svuotarla appena sente il minimo stimolo, riuscirà a trattenere la pipì e chiedere alla mamma un aiuto per soddisfare la sua necessità. In queste occasioni è bene non drammatizzare ma semplicemente mostrargli senza critiche né animosità che si è bagnato. È opportuno iniziare a sottolineargli che deve segnalare in anticipo l’imminenza della pipì. Può essere utile lasciare il bambino libero di conoscere il nuovo oggetto “vasino”, permettendogli di acquisire una maggiore familiarità anche attraverso il gioco. Si può invitare il bambino a decidere dove posizionarlo, sottolineando sempre che il vasino appartiene solo a lui. In un primo momento, si può proporre di sedersi sul suo vasino senza spogliarlo dei vestiti e, solo successivamente, si può suggerire di provare a sedersi anche senza il pannolino. Trasferire i bisogni dal pannolino sporco al vasino e poi nel water, può risultare un’operazione utile per sostenere il piccolo nel regolare le sue abitudini fisiologiche.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.