Ricevi Aleteia tutti i giorni

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Perché alcuni santi sono raffigurati con dei teschi accanto?

SANTI TESCHIO MORTE
Jeffrey Bruno
Condividi

Sembra strano e morboso… beh, è esattamente quello il punto

Nel guardare l’arte cristiana, è molto comune notare dei teschi accanto a un santo. In alcuni casi il santo regge il teschio tra le mani e lo guarda negli occhi vuoti. Perché? Non è un po’ morboso?

Ebbene, sì, ed è esattamente questo il punto.

I teschi sono presenti nei ritratti dei santi per sottolineare la loro saggezza e la costante consapevolezza della propria mortalità. La morte era costantemente nei loro pensieri, e questo li spingeva a cercare in tutti i modi di raggiungere la perfezione.

Nel corso dei secoli la Chiesa e molti santi hanno usato la frase latina “memento mori” (“ricordati che devi morire”) per evidenziare questa pratica spirituale. È un semplice riconoscimento che “polvere tu sei e in polvere tornerai!”, come ci viene detto all’inizio di ogni Quaresima. Questa frase ci ricorda che la nostra vita sulla terra è molto breve e che non conosciamo il giorno o l’ora in cui Cristo verrà a chiamarci.

Alcuni santi si sono spinti oltre mettendo un teschio sulla propria scrivania, come San Gerardo. Secondo Padre John Bartunek, “quando fu scelto come pontefice, Papa Alessandro VIII chiese al grande artista barocco Bernini di scolpire una piccola bara in marmo. La pose sulla sua scrivania per ricordargli che un giorno sarebbe morto e avrebbe dato conto al Signore su come abbia vissuto il suo incarico di Papa”.

Per quanto vogliamo sfuggirle, la morte verrà per ciascuno di noi. Non è stata trovata alcuna “fonte della giovinezza” che permetta di ringiovanire, e la scienza deve ancora creare una pillola che garantisca la vita eterna sulla terra (e non lo farà mai).

Moriamo tutti. I Santi ricordavano questo semplice fatto e non volevano dimenticarlo. Sapevano che Dio li avrebbe giudicati quando sarebbero morti e non volevano apparire davanti a Lui a mani vuote.

È sano pensare alla nostra morte, ha dei grandi benefici spirituali. Se non abbiamo una sana paura della morte, dimenticheremo i nostri doveri da cristiani qui sulla terra.

Allo stesso tempo, è anche sano desiderare – in un certo senso – la morte. Dobbiamo renderci conto che se viviamo vicini a Dio, la morte ci garantirà l’accesso alla vita eterna. Per noi la morte è sia una maledizione che una benedizione. È la punizione dovuta al mondo caduto, ma è anche un dono che ci rende più vicini alla perfetta unione con Dio.

I santi lo avevano compreso. E per riconoscere la loro saggezza, gli artisti li hanno dipinti reggendo dei teschi o con dei crani accanto a loro.

[Traduzione dall’inglese a cura di Valerio Evangelista]

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni