Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

6 motivi per cui i cristiani (anche i non cattolici!) dovrebbero amare Maria

MADONNA GESU RELAZIONE
Renata Sedmakova | Shutterstock
Condividi

Persino Karol Wojtyla si chiese se fosse possibile esagerare nella propria devozione, ma non c'è motivo di temere di avvicinarsi alla Madonna

I protestanti generalmente evitano ogni devozione a Maria, supponendo che sia una sorta di adorazione idolatra. Ma persino i cattolici – tra cui Karol Wojtyla, prima di diventare papa Giovanni Paolo II – a volte si chiedono se non si rischi di onorare eccessivamente la madre di Gesù.

Sono convinta che non si debba temere di approfondire il proprio rapporto con Maria.

Ecco sei ragioni per cui ne sono così sicura (nel mio libro “The Marian Option: God’s Solution to a Civilization in Crisis” approfondisco queste ed altre ragioni):

Leggete anche alcune riflessioni di Giovanni Paolo II su questo argomento in “Dono e Mistero”.

1) I cattolici non adorano Maria

Per tranquillizzare subito i protestanti: i cattolici non adorano Maria. Punto. Noi la veneriamo perché – in quanto Madre di Gesù – è attraverso di lei che Cristo è venuto da noi. Dio sarebbe potuto venire tra noi in qualsiasi modo avesse voluto, eppure è così che ha scelto di farlo. I protestanti non hanno problemi a venerare San Paolo, ad esempio, parlando di lui con grande considerazione e facendo conoscere agli altri ciò che ha fatto. Analogamente, i cattolici venerano Maria. Ovviamnte non è Dio, ma una creatura che ha ricevuto incredibili grazie e doni da parte del Creatore.

2) L’amore non è binario

Sembra che – secondo alcuni – se amiamo Maria non possiamo amare Gesù quanto potremmo o dovremmo. Che in qualche modo amare la Madre tolga qualcosa al Figlio. Ma i rapporti familiari non sono binari. Quale figlio è risentito dal fatto che i suoi amici vogliano bene a sua madre? Quale brava madre starebbe male all’idea che i suoi figli amino anche loro padre? In una famiglia, l’amore è abbondante e traboccante.

3) Gesù non è geloso di Sua Madre

In un impeto poetico, papa Paolo VI scrisse che “il sole non sarà mai oscurato dalla luce della luna”. Gesù, come Figlio di Dio, non si sente minacciato dall’amore e dalla devozione verso Sua Madre. Si fida di lei, la ama e sa che le volontà di entrambi sono unite. Maria, poiché è creatura e non Creatore, non supererà mai la Trinità, ma sarà sempre una sua riflessione.

4) È nostra Madre

Che lo sappiamo o meno, Maria è la nostra Madre spirituale. È sulla Croce – quando Cristo affida Maria a San Giovanni, e San Giovanni a sua Madre – che il ruolo di Maria come madre si espande a tutta l’umanità. È più vicina a coloro che sono con lei ai piedi della Croce, ma il suo amore non si limita solo ai cristiani. Conosce bene cosa abbia pagato suo Figlio per acquistare la nostra salvezza. Non vuole vederlo sprecato.

5) Da brava mamma, rende tutto migliore

Recentemente, un protestante ha sfidato le mie suppliche a Maria affinché ci assistesse in questi momenti difficili. Questa persona mi ha detto che la devozione a lei sarebbe soltanto interiore, con poca considerazione per la vita pratica. Ciò che viene ampiamente frainteso riguardo Maria, è il modo in cui trasforma la nostra vita pratica. Pregando con Maria non solo ci avviciniamo di più a lei e a suo Figlio, ma la sua intercessione può rivelare, ravvivare e trasformare la nostra missione personale.

6) Dai loro frutti li riconoscerete…

La Scrittura parla di riconoscere un albero dai suoi frutti (cfr. Matteo 7:16). Se guardiamo ciò che Maria ha fatto per la Chiesa – storicamente, geopoliticamente e culturalmente – ci sono frutti abbondanti. Non soltanto ha fermato carestie, guerre, eresie e persecuzioni, ma ha anche ispirato artisti e pensatori culturalmente straordinari (Mozart, Botticelli, Michelangelo, Sant’Alberto Magno e i mastri costruttori che hanno costruito la Cattedrale di Notre Dame, solo per dirne alcuni).

Ci sono tantissime testimonianze dei santi che fanno comprendere quanto sia potente la sua intercessione. C’è un numero altissimo di santi canonizzati che hanno parlato benissimo di lei, ma non ve n’è neanche uno che ne ha parlato male. Il cardinale John Henry Newman notò che ogni volta che Maria viene abbandonata, non passa molto tempo prima che venga abbandonata anche una pratica autentica della fede.

[Traduzione dall’inglese a cura di Valerio Evangelista]

 

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.