Ricevi Aleteia tutti i giorni

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Come insegnare a vostro figlio ad affrontare il bullismo?

Pressmaster/Shutterstock
Condividi

Bisogna preparare i bambini ad affrontare le provocazioni senza ricorrere alla violenza

I bambini possono essere molto crudeli, soprattutto quando provocano dei coetanei. Molti si comportano in questo modo perché non hanno sviluppato totalmente la capacità di provare empatia, di mettersi nei panni dell’altro. In realtà, i bambini nascono bisognosi di cure e solo più tardi sviluppano quella che è nota come “Teoria della Mente”, essendo capaci di sviluppare empatia. È chiaro che tutto dipende anche dall’educazione che hanno ricevuto.

In ogni caso, è sempre consigliabile preparare il figlio ad affrontare le provocazioni senza ricorrere alla violenza. In questo modo lo si aiuterà a creare un sorta di armatura emotiva per proteggere la sua autostima, e questo è un dono dal valore inestimabile per tutta la vita.

L’umiliazione fa male, e molto

Uno studio recente realizzato dai ricercatori dell’Università di Amsterdam ha rivelato che le ferite derivanti dall’umiliazione sono più profonde di quanto si pensava. Nella ricerca, pubblicata sulla rivista Neuroscience Social, i ricercatori hanno studiato il cervello delle persone quando sperimentavano emozioni diverse.

Per generare questi stati emotivi leggevano storie diverse e chiedevano di cercare di mettersi nei panni del protagonista. In questo modo hanno constatato che l’umiliazione provocava una reazione molto più intensa a livello cerebrale rispetto all’allegria e perfino alla rabbia.

Lo studio ha anche scoperto che l’umiliazione risveglia aree cerebrali collegate al dolore. I ricercatori hanno quindi messo in guardia sul fatto che l’umiliazione non è solo un sentimento molto negativo, ma viene anche codificata nel cervello come dolore. Proprio per questo, le conseguenze possono rimanere evidenti anche nella fase adulta, facendo sì che l’individuo diventi insicuro o, estremo opposto, una persona il cui impulso iniziale è sempre l’aggressività.

E i genitori? Come possono aiutare i figli?

– Indagate su ciò che sta accadendo
Per aiutare vostro figlio dovete prima capire cosa sta succedendo. Qual è la ragione del bullismo? In quali luoghi si verifica? Come ha reagito il figlio? È importante verificare se il figlio sta provocando quella situazione o se accade in forma regolare, il che può essere inquadrato come un assedio.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni