Ricevi Aleteia tutti i giorni
Le notizie che non leggi altrove le trovi qui: inscriviti alla newsletter di Aleteia!
Iscriviti!
Aleteia

L’eterna impressione che la felicità riguardi sempre gli altri

Peerayot
Condividi

Perché a volte ho la sensazione che tutti siano felici tranne me?

Lei è stanca, ed è questa la grande verità.

La vita è diventata una grande finestra: lei vive ma non è connessa, sembra che tutto accada fuori.

È una sciocchezza, lo sa, ma là fuori tutti sembrano felici. Non che lei sia una persona triste… forse è una persona anestetizzata, sembra che la vita le nasconda sempre qualcosa.

La vita sarà solo questo? Una finestra fuori la quale accade tutto, l’eterna impressione che la felicità riguardi sempre gli altri o che sia interessata e scelga chi ha più successo…

Vivere è solo accumulare stanchezza, cicatrici e sciocchi rimorsi?

Perché ci aspettiamo sempre di più, con una fame insaziabile?

Lei che aveva più cicatrici che parole e viveva in una giornata senza sole, una giornata in cui le persone sono costrette a restare a casa perché fuori c’è una pioggia torrenziale… Fuori.

Dove si svolge la vita? Perché ci rendiamo conto di ciò che è prezioso solo quando lo perdiamo? Forse solo quando perdiamo qualcosa diventa di fatto nostro.

Lei che è stanca e piena di cicatrici chiede delle verità alla vita là fuori, ma il vetro ostacola ogni suono. Forse deve parlare dentro.

[Traduzione dal portoghese a cura di Roberta Sciamplicotti]

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni