Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 20 Aprile |
Sant'Aniceto
home iconStile di vita
line break icon

Perché non partecipiamo al linciaggio mediatico di Flavio Insinna

Flavio Insinna

Luca Bruno | AP

Giovanni Marcotullio - Aleteia Italia - pubblicato il 26/05/17

Il De profundis di Flavio per noi

Tutto qua? E se fosse proprio vero, che alla fine ogni nostra “correzione fraterna” origina da un eccesso di invidia (che poi è sempre un difetto di amore)?

Se trattate gli uomini secondo i loro meriti
– diceva l’ineffabile Amleto a Polonio, che doveva alloggiare gli attori –

chi scamperà alla forca?

Citava il de profundis (Sal 129 [130], 3), il principe danese – d’altronde studiava teologia a Wittenberg! Appunto dei suoi demeriti faceva ampia confessione pubblica, stanotte, Flavio Insinna. Su Facebook abbiamo letto:

[protected-iframe id="5b4f6aa597da53ff76fb557258fff8a4-95521288-92537038" info="https://www.facebook.com/plugins/post.php?href=https%3A%2F%2Fwww.facebook.com%2FFLAVIOINSINNAFaccialibro%2Fposts%2F2322226108003348&width=500" width="500" height="256" frameborder="0" style="border:none;overflow:hidden" scrolling="no"]

E non c’è molto da aggiungere: forse molto da riflettere, per tutti.

Non che Insinna sia o fosse un modello imperfettibile: è vero, negli anni ha spesso interpretato ruoli di personaggi esemplari, e anche su queste nostre pagine qualche anno fa aveva rivelato di dovere alla cura costante del rapporto con Gesù Cristo buona parte del suo «solito gaio e cordiale umore» (direbbe Bis). Ma niente di tutto ciò assomiglia a una canonizzazione: già se guardo solo i suoi social trovo esternazioni discutibili e penso di non poter condividere alcune delle sue (legittime) posizioni. Solo la spietatezza del mondo, che al contrario della Chiesa «permette tutto e non perdona nulla», può esigere da un uomo la coerenza indefettibile e una rettitudine morale a prova di errore. Tra cristiani ci accontentiamo di camminare tutti verso la meta. Risollevandoci a vicenda quando capita di cadere: tanto capita a tutti – «sette volte al giorno» per i migliori (stando a Prov 24,16).

Mamma Rai pensi a mia nonna

Ma sono grato, a Flavio Insinna, per la professionalità e per il garbo che ha sempre dimostrato (tra le registrazioni di quante puntate hanno pescato quelle orribili dichiarazioni per cui ora è stato linciato?) E poi gli sono grato perché da anni fa compagnia ai miei genitori e ai miei suoceri, la sera; e soprattutto a mia nonna, che nel suo testardo orgoglio vuole vivere ancora a casa sua – benché a novant’anni suonati ne sia rimasta l’ultima abitante. Penso a mia nonna che ama il buon cuore di Insinna, e che aspetta “i pacchi” alla sera come la messa alla mattina, per poi raccontare di questa e di quelli a chi passi a trovarla nella giornata.

Visto che i sottotesti di questa vicenda miserabile non sono più un segreto per nessuno, e poiché a me personalmente essa è servita per ricordare quanto si possa diventare moralisti quando non si considera la fragilità di quelli che ferocemente ammiriamo, spero che il pasticciaccio brutto non pregiudichi la carriera di Insinna, ma che anzi Flavio possa restare saldo in sella all’ammiraglia delle reti pubbliche.

Mamma Rai pensi a mia nonna.

Ce ne sono tante, come lei, anche se non fanno chiasso.


Aggiornamento della serata: intorno alle ore 23 Flavio Insinna ha pubblicato questo video sulla propria pagina Facebook

  • 1
  • 2
  • 3
Tags:
invidiamaldicenzapeccatopeccatoripentimento
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Gelsomino Del Guercio
Scoperti nuovi frammenti della Bibbia: ma al posto di Dio c’è scr...
2
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
3
SERGIO DE SIMONE
Gelsomino Del Guercio
L’agonia di Sergio, il bambino napoletano che fu sottoposto...
4
Gelsomino Del Guercio
7 santuari uniti da una linea retta. La misteriosa fede per San M...
5
Paola Belletti
È cieco chi vede in Isabella solo la sindrome di Down
6
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
7
Don Davide conduce la nuova edizione de "I Viaggi del cuore"
Gelsomino Del Guercio
Don Davide Banzato: la fuga dal seminario, l’amore per un&#...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni