Ricevi Aleteia tutti i giorni
Solo le storie che vale la pena leggere: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Attaccato bus di pellegrini in Egitto, è una strage

ATTENTATO COPTI EGITTO
Condividi

Il raid aveva come obiettivo un gruppo di copti

[Ndr: dati e numeri sono in continuo aggiornamento]

Almeno 35 persone sono rimaste uccise e 25 ferite dopo che alcune milizie hanno aperto il fuoco verso un bus carico di cristiani copti. Lo ha dichiarato su Twitter l’ex portavoce della chiesa copta ortodossa, Anaba Ermya. La BBC ha confermato l’attacco, aggiungendo che i pellegrini erano diretti verso il Monastero di San Samuele il Confessore, nella provincia di Minya.

I testimoni parlano di una decina di uomini mascherati e in uniformi militari, che hanno fermato il pullman e sparato ai pellegrini, filmando la scena. Le forze speciali egiziane hanno bloccato tutti punti d’ingresso e di uscita da Minya per impedire al commando di fuggire.

“Abbiamo molta difficoltà a raggiungere il monastero, perché si trova nel deserto. È una situazione molto confusa, ma sappiamo che sono stati uccisi anche dei bambini”, ha detto Ibrahim Samir, un funzionario.

ATTENTATO EGITTO COPTI
bbc

L’attacco non è stato ancora rivendicato da nessuno, ma si sospetta l’opera di militanti Stato islamico (IS), che negli ultimi mesi hanno preso di mira la comunità copta (il 10% della popolazione egiziana, che consiste totalmente in 92 milioni di cittadini) promettendo che l’avrebbero colpita nuovamente.

Ahmed Al Tayyeb, il grande imam dell’università Al Azhar del Cairo, ha definito “inaccettabile” l’attentato. “Ogni musulmano e ogni cristiano lo condanna”, ha aggiunto. “Tale atto mira a danneggiare la stabilità dell’Egitto”.

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni