Aleteia logoAleteia logoAleteia
lunedì 06 Febbraio |
Santi Paolo Miki e compagni
Aleteia logo
Spiritualità
separateurCreated with Sketch.

Dico di amare, ma è davvero così?

WEB3-MAN-WOMAN-LUST-CLOSED-EYES-KISS-Shutterstock

Shutterstock

padre Carlos Padilla - pubblicato il 24/05/17

Smettiamo di amare quando dimentichiamo, quando disprezziamo, quando smettiamo di valorizzare coloro a cui diciamo di voler bene

A volte dico di amare ma non è così. Sento di amare nel cuore, ma poi mi allontano. Prometto di dare tutto ciò che ho, ma poi mi costa così tanto che mi allontano. Non voglio rischiare.

Vorrei imparare ad amare davvero. Ad amare con un cuore nobile, senza doppiezza, senza menzogna. È un modo di amare che mi sembra impossibile, ma è così che Dio mi insegna ad amare. Così mi ama Gesù inchiodato sulla croce.

Per questo, quando amo così è facile seguire i suoi comandamenti. È la conseguenza dell’amore che vuole solo il bene dell’amato. Quando amo qualcuno in modo sano voglio il suo bene. Voglio ciò che desidera. Voglio che sia felice. Amo le sue vie. I suoi aneliti. I suoi sogni. Mi importa della sua vita quasi più che della mia.

Amare così mi sembra quasi impossibile, ma so che per Dio nulla è impossibile. Il mio amor proprio è molto forte, e tende a mettermi al centro con tutte le mie pretese.

Leggevo giorni fa: “Si sente amato chi crede che lo amino più di quanto merita. Per amare bisogna prendere sul serio solo le cose serie. Seppellire la suscettibilità. Non sa amare chi non perdona davvero e per sempre. Tutti gli esseri umani hanno un tesoro che ci viene concesso alla nascita: la nostra capacità di cedere il nostro centro di attenzione e di dedicarci a un altro. Per questo, il disamore più grande non è il conflitto, ma l’indifferenza. Mandare qualcuno il più lontano possibile dal nostro centro”.

Smettiamo di amare quando dimentichiamo, quando disprezziamo, quando smettiamo di valorizzare chi diciamo di amare.

Oggi ci sono molti matrimoni spezzati. Spesso sono falliti per le tensioni che rendevano difficile la convivenza, ma molte altre volte è stata l’indifferenza a minare la relazione. Uno dei due ha smesso di mettere l’altro al centro. Ha smesso di pensare all’altro più che a se stesso. Ha iniziato a seguire il proprio cammino.

Vivevano insieme, ma non condividevano la vita. Da quel momento, uno dei due forse sperava che l’altro cambiasse. E non essendo così, nella sua vita hanno iniziato ad essere importanti altre cose. Il centro ha cambiato posto.

Smetto di amare l’altro quando non penso più a ciò che lo rende felice e cerco ossessionato ciò che importa a me e che mi fa sentire felice. Penso più a me che alla felicità di chi amo.

Dice Papa Francesco: “Ogni uomo è una storia di amore che Dio scrive su questa terra. Ognuno di noi lo è, ad ognuno di noi Dio chiama con il proprio nome, ci guarda, ci aspetta, ci perdona, ha pazienza con noi… I legami più autentici non sono spezzati nemmeno dalla morte”. È questo l’ideale che tutti desideriamo raggiungere.

Chiedo a Gesù di insegnarmi a rendere la storia d’amore con Lui una realtà nella mia vita. Voglio amare al di là della morte. La mia vita sia una storia d’amore con Lui e con le persone che amo. Desidero amare in questo modo sano. Mettendo da parte i miei pregiudizi. Senza condannare. Senza incasellare.

Voglio che il mio amore liberi chi amo. Voglio nobilitare con i miei gesti d’amore. Non smettere mai di ammirare e di curare il fuoco d’amore che Dio mette nella mia anima. Chiedo a Dio il dono di amare dando la vita.

[Traduzione dallo spagnolo a cura di Roberta Sciamplicotti]

Tags:
amare
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni