Ricevi Aleteia tutti i giorni
Comincia la tua giornata nel modo migliore: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!
Aleteia

Cristiano vince battaglia legale dopo essersi rifiutato di realizzare magliette per una marcia LGBT

GAY PRIDE FREEDOM CHRISTIAN
ADL
Condividi

La Giustizia riconosce che ha solo esercitato il diritto alla libertà di coscienza e d’espressione

In una vittoria della libertà d’espressione, un imprenditore proprietario di un’azienda grafica si è rifiutato di realizzare delle magliette per una marcia dell’orgoglio gay nel Kentucky (Stati Uniti) e ha vinto la battaglia contro la lobby omosessuale.

Un tribunale d’appello del Kentucky si è pronunciato il 12 maggio a favore della libertà d’espressione di Blaine Adamson, imprenditore cristiano sanzionato da una Commissione per i Diritti Umani locale per essersi rifiutato di realizzare delle magliette con messaggi a favore dell’agenda gay.

“Gli americani dovrebbero sempre avere la libertà di credere, la libertà di esprimere queste convinzioni e la libertà di non esprimere idee che violerebbero la loro coscienza”, ha affermato Jim Campbell, consigliere senior dell’Alliance Defending Freedom (ADF), l’organizzazione che si è incaricata della difesa di Blaine.

“La decisione di oggi è una vittoria per i proprietari delle aziende grafiche e altri professionisti creativi che servono tutti ma non possono promuovere tutti i messaggi”, ha aggiunto.


LEGGI ANCHE: Il coraggio di amare le persone omosessuali


Blaine Adamson è il padrone dell’impresa Hands On Originals del Kentucky, che realizza materiali pubblicitari. Ha svolto vari lavori senza discriminare per razza o preferenze sessuali dei clienti e spesso assume lavoratori omosessuali. Blaine prevede però alcune eccezioni per il suo lavoro: non stampa messaggi contrari alla sua fede, come quelli che contengono materiale violento o sessualmente esplicito.

Nel 2012, le Organizzazioni di Servizi per Gay e Lesbiche (GLSO, dalle iniziali in inglese) gli hanno chiesto di realizzare alcune magliette promozionali per il Festival dell’Orgoglio Gay locale. L’imprenditore, che difende il matrimonio solo tra un uomo e una donna, ha respinto la proposta, offrendo di mettere in contatto con un’altra azienda grafica che avrebbe richiesto un prezzo simile.

Anche se alla fine la GLSO è riuscita a realizzare le sue magliette gratis con un altro fornitore, l’organizzazione gay ha avviato un boicottaggio contro Blaine e lo ha denunciato alla Commissione per i Diritti Umani della contea di Lexington-Fayette.

La Commissione ha ordinato a Blaine di realizzare le magliette con i messaggi contrari alla sua fede e di assistere a un corso di “formazione alla diversità”.

L’imprenditore ha vinto un primo processo legale contro la Commissione per i Diritti Umani, ma l’organismo ha deciso di presentare un ricorso in appello. La nuova sentenza ribadisce la libertà d’espressione dell’imprenditore.

QUI IL LINK ALL’ARTICOLO ORIGINALE

[Traduzione dal portoghese a cura di Roberta Sciamplicotti]

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni