Aleteia

Il diavolo e la chiesa di Santa Maria di Lubecca

wikipedia
Condividi
Commenta

Una chiesa gotica in Germania sarebbe dovuta essere una taverna. Almeno questo è quello che il diavolo pensava sarebbe stata

Sembra che gli architetti e costruttori tedeschi si divertano ad ingannare ripetutamente il diavolo. La cattedrale di Monaco, nota localmente come Frauenkirche , per esempio, è ben nota per la sua “Impronta del diavolo” – di cui si può leggere tutto qui – nel luogo in cui il diavolo si trovava dopo aver capito di essere stato ingannato dall’architetto della chiesa, l’arguto Jörg Von Halsbach. Ma anche la chiesa di S. Maria, a Lübeck, ha una propria storia che coinvolge il diavolo, una chiesa e i suoi costruttori.

La leggenda afferma che quando è stata costruita la grande chiesa gotica di Santa Maria, il diavolo fece visita ai lavoratori e chiese loro che cosa stessero costruendo. Avendo troppa paura di dirgli la verità, sapendo che questa lo avrebbe fatto arrabbiare, dissero, invece, che stavano costruendo la più grande taverna di tutti i tempi. Il diavolo era così felice della notizia, che decise di aiutarli a costruirlo.

Tuttavia, poiché la chiesa era quasi ultimata, il diavolo si rese presto conto che era stato totalmente ingannato. Pieno di rabbia diabolica, raccolse una grossa pietra, con l’intento di gettarla contro la chiesa. Uno dei costruttori si alzò e gli promise che avrebbero davvero costruito una taverna proprio di fronte alla chiesa. Il diavolo accettò l’affare e depose il masso lì dov’era. Oggi si possono ancora vedere alcuni segni sulla lastra di pietra, presumibilmente le impronte degli artigli del diavolo. Una piccola statua di bronzo ora saluta coloro che passano, siano essi in diretti verso la chiesa o, invece, verso la taverna Ratskeller, proprio dall’altro lato della strada.

[Traduzione dall’inglese a cura di Valerio Evangelista]

Condividi
Commenta
Questa storia ha come tag:
architetturadiavologermania
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni