Ricevi Aleteia tutti i giorni
Comincia la tua giornata nel modo migliore: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Confessioni del demonio a un sacerdote

Public Domain
Condividi

“Il Battesimo e la Confessione sono la cosa peggiore per noi”. Caso vero di un esorcismo in cui il demonio è stato costretto a parlare.

Sapete qual è il tormento più grande all’inferno? L’ira dell’Altissimo! Non potete immaginare come sia terribile nell’ira, come lo sperimentiamo a lo teniamo continuamente davanti a noi, davanti ai nostri occhi… Ahinoi!

Devo anche dire che il peccato è orribile… Se poteste vederci… Ahinoi! Possiamo solo peccare, peccare – siamo mostri –, ma il peccato è più orribile – molto più brutto di noi… Abbiamo il potere di tentare tutti gli uomini, di farli peccare, solo la Grande Donna no, Quello che è lassù ci ha proibito di toccarla, ma quello che da Lei è nato lo abbiamo tentato, sì, lo abbiamo tentato, e sai perché? Perché poteste avere un esempio, un modello di come si lotta contro di noi. Haaaa… Non sono stati gli ebrei a ucciderlo, siamo stati noi, noi, noi.

Noi siamo entrati negli ebrei e siamo riusciti a maltrattarlo, abbiamo scatenato tutta la nostra furia, tutta la nostra rabbia, Lo abbiamo ucciso. (Il sacerdote sottolinea: con queste parole il demonio, attraverso la persona, ha mostrato un’allegria, una soddisfazione così grande, così brutta, che chi non ha visto non può immaginare una tale risata…) Sapete che al momento della morte di Quello ci siamo conquistati un’anima? Il sacerdote ha risposto: “Non avete conquistato l’animo del buon ladrone”. E il demonio: “Sapete perché? A causa di Colui che era ai piedi della croce” (C’era un motivo, ma il sacerdote non lo ha annotato e l’ha dimenticato).

Continua il demonio: Con gli uomini facciamo così: ci assicuriamo che uno risvegli l’amore nell’altro. Pensano che non ci sia nulla di male… non sanno come si espongono al pericolo e come facilitano il nostro lavoro… In generale ci curiamo che l’uomo diventi pigro e si allontani dalla retta via, finché arriva a dire: non voglio pregare, non ne ho voglia, non vado in chiesa, sono troppo stanco… Non voglio digiunare, sono molto debole per condurre una vita di questo tipo.

Ci curiamo anche del fatto che tutto sia provato dalla scienza, che tutto abbia fondamento scientifico. Anche questo è opera nostra. Quando l’uomo si alza la mattina presto e non inizia la giornata con la preghiera e con buone intenzioni, la giornata è nostra. Se l’uomo inizia la giornata con la preghiera, è perso per noi. Devo dire anche che quello che è così – e così (la persona imita il segno della croce) – è un orrore per noi. Ispiriamo gli uomini e diciamo: A che serve tutto questo? È acqua come l’altra acqua, acqua qualsiasi (acqua benedetta); è pane come l’altro pane (riferendosi all’ostia) e sale, non è neanche il meglio (del sale benedetto per le cerimonie). Noi diciamo: sciocchezze, tutte sciocchezze. Guardate (rivolgendosi al sacerdote), l’acqua spegne i peccati veniali, sì, quelli veniali…

Oh se potessi guadagnarne solo una goccia, una goccia soltanto, cosa non farei! Ora sarei pentito, ma è tardi, è tardi, non c’è più speranza. Ahimé! Se sapeste che grandiosità è il sacrificio (la Messa)!

Il sacrificio compiuto dal figlio di Colui che sta lassù, in Suo nome… voi partecipereste in modo ben diverso a questo sacrificio a cui state partecipando ora. È il sacrificio più sublime, il più grande. Oh, se potessi partecipare a un solo sacrificio, se ci potessimo dare il valore di uno solo di questi sacrifici… Se sapeste cos’è per le vostre anime, il lucro, quando meditate, contemplate la Sua sofferenza e la Sua morte… Chi li contempla, chi si nasconde nelle sue piaghe, mai più… Perché non contemplate più la grande bontà dell’Altissimo? Voi commettete milioni di peccati, sì, ingoiate i peccati come se fossero acqua. Ma quando fate penitenza, allora Egli perdona e vi accetta di nuovo. Un tale… Avete un tale… (La parola è stata pronunciata male). Noi abbiamo commesso un peccato, solo uno, e siamo stati condannati.

Sapete perché non sono stati condannati anche i primi uomini? Perché non conoscevano il cielo, no? Se sapeste, se sapeste, se poteste vedere quanti diavoli li circondano… Rimarreste perplessi… Se anche ora sono costretto a dire tutto questo, allora tutti gli altri miei compagni, insieme a me, lavoreranno per distruggere tutto ciò che vi abbiamo rivelato. Nasconderemo tutto, faremo sì che dimentichiate tutto e vi cercheremo ovunque per confondere i vostri pensieri, per sottrarvi alla retta via e lanciarvi nell’abisso dell’inferno, del peccato.

Pagine: 1 2 3 4 5

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.