Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Chi era Jacinta Marto, la pastorella che ha visto la Madonna a Fatima?

Condividi

E' stata canonizzata insieme al fratello Francisco il 13 maggio 2017 durante la visita di Papa Francesco in Portogallo

Il ritratto che Lucia fa della cugina è di una bambina “dal cuore puro”, secondo quanto rende noto il sito Santiebeati.it. I suoi occhi parlavano di Dio, ed era insaziabile in materia di “sacrifici e mortificazioni”.

Come Francisco, era rimasta ben impressa anche nel cuore di Jacinta la raccomandazione che aveva fatto loro la Madonna durante la sua quarta apparizione (furono sei in totale): “Pregate, pregate molto e fate sacrifici per i peccatori”, diceva ogni volta che si privava di bere o di mangiare o subiva derisioni o maltrattamenti.

Ripeteva sempre “Amo tanto il Signore e la Vergine Maria che non mi stanco di dire loro che li amo”, e cantava senza sosta: “Dolce cuore di Maria, siate la mia salvezza! Cuore Immacolato di Maria, convertite i peccatori, salvate le anime dall’inferno”.

Come con Francisco e Lucia, la promessa della Vergine risuonava senza sosta nel cuore di Jacinta: “Avrete molto da soffrire, ma la grazia di Dio sarà il vostro conforto”.

Il “miracolo” della bara

Come il fratello Francisco, Jacinta non ha vissuto molto. Si ammalò contemporaneamente a lui di influenza spagnola nel 1918, ma morì un anno dopo, in seguito a un lungo mese di agonia. Durante questo periodo, la Vergine le apparve tre volte: “Oh, mamma! (…) Non vedi Nostra Signora della Cova da Iria?”, esclamò un giorno.

Morì da sola il 20 febbraio 1920, come le aveva predetto la Madonna in una visione: “La Madonna ci è venuta a trovare, e ha detto che molto presto viene a prendere Francesco per portarlo in cielo. E a me ha chiesto se volevo convertire ancora altri peccatori. Le ho detto di sì”, ha riferito in seguito con grande emozione la cugina secondo quanto riporta il sito web di riferimento in Belgio sulle apparizioni di Fatima, Fatima.be. Non era per guarirla, ma perché soffrisse di più “in riparazione alle offese contro il Cuore Immacolato di Maria”.

Jacinta morì da sola ma senza paura, perché la Vergine le aveva promesso di venire a “prenderla per andare in Cielo”.

Il feretro della piccola veggente venne deposto nella chiesa degli Angeli. Cosa strana, tre giorni dopo la sua morte si dice che il suo corpo emanasse un odore di fiori, del tutto sorprendente dopo essere stato all’aria e a seguito di una malattia come quella che l’aveva colpita. Nessuno riusciva a spiegarselo. Le sue labbra e le guance erano inoltre di un bel colore rosato, come se la bambina fosse ancora viva.

Pagine: 1 2 3

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.