Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

Iscriviti alla Newsletter

Per favore, aiutaci a mantenere questo servizio importante. IMPEGNATI ORA
Aleteia

Depressione maschile: come riconoscere il male nell’uomo?

Condividi

Informatevi, condividete. È un problema serio. Ecco 6 testimonianze di uomini con depressione e i sintomi principali della malattia

È una storia che è successa a un amico di un mio amico… Almeno è quello che vorrei dire. Ma non è così. È successo a me, e a vari miei amici, e non stupitevi se succede anche a voi.

Sono passato per un processo lento e doloroso di depressione. A differenza di quanto potete pensare, il mio corpo non lo ha denunciato con facilità e le persone intorno a me non hanno capito la mia solitudine, la mia angoscia e la tristezza interiore che mi opprimeva. Io stesso ho impiegato del tempo per accettarlo. Sono stato consapevole di quello che stava accadendo solo quando mi sono visto isolato dal mondo, senza prospettive professionali e senza la minima volontà di fare qualsiasi cosa. La cosa peggiore di tutte è che l’ho capito solo quando avevo combinato un grande pasticcio.

La depressione riguarda circa 350 milioni di persone in tutto il mondo. Per via del preconcetto, della paura di esporre i propri sentimenti o del fatto che non se ne è consapevoli, solo il 10% delle persone colpite da questo male riesce ad avere accesso alle strategie di prevenzione o di cura.

C’è ancora una metafora per parlare della depressione, e si chiama “cane nero” (Black Dog). È stata usata dallo scrittore inglese Samuel Johnson nel 1780 per descrivere la propria depressione e resa popolare dal Primo Ministro britannico Winston Churchill, che si era trovato di fronte a questo problema. È stata perfino elaborata un’animazione che tenta di spiegare la malattia attraverso la metafora del Black Dog.

Perché la depressione interessa in modo più silenzioso gli uomini rispetto alle donne? Per puro preconcetto e per la paura che questa malattia li privi della mascolinità. In fondo un uomo non piange e non esprime i propri sentimenti, no?

Qual è la differenza tra essere tristi ed essere depressi?

Il Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali ha cercato di stabilire una serie di criteri che distinguono la tristezza “normale” dalla depressione clinica, ma non è facile, perché non si tratta di un tumore fisico che si può misurare in centimetri.

Secondo il manuale, perché un periodo di malinconia venga considerato un episodio depressivo deve persistere per almeno due settimane ed essere accompagnato almeno da cinque di questi sintomi:

– Umore depresso per la maggior parte della giornata, quasi tutti i giorni, come indicato da un resoconto soggettivo (ad esempio sentirsi tristi o vuoti) o dall’osservazione altrui (ad esempio si piange molto);

Pagine: 1 2 3 4 5

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni

Milioni di lettori in tutto il mondo – compresi migliaia del Medio Oriente – contano su Aleteia per informarsi e cercare ispirazione e contenuti cristiani. Per favore, prendi in considerazione la possibilità di aiutare l'edizione araba con una piccola donazione.