Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 24 Giugno |
San Giovanni Battista
home iconStile di vita
line break icon

Commetto peccato se nego il perdono ad una persona?

Shutterstock/File404

Gelsomino Del Guercio - Aleteia - pubblicato il 08/05/17

Il pastoralista: mai negarlo, ma ciò è distinto dalla prudenza da tenere nei suoi confronti

«E’ peccato negare il perdono?». E’ su questo tema che ci scrive un nostro lettore:

“Qui parliamo di perdono ed io vorrei farvi una domanda: è peccato negare il perdono? Se la persona che ha commesso un peccato contro di te non è pentita e magari minaccia di farlo ancora e non chiede perdono, è peccato non perdonare in questo caso? È sufficiente evitare la vendetta e le cattive parole, evitare di augurare il male o peggio, la morte? Vorrei imparare a realizzare la volontà di Dio e stare in pace con quanta più gente possibile, ma non vorrei che mi si mancasse di rispetto”.

Alvaro Granados, docente di Teologia Pastorale presso la Pontificia Università della Santa Croce, premette ad Aleteia: «Va chiarito da subito che è peccato negare il perdono. Bisogna capire però che il perdono non è un esigenza della virtù della giustizia, ma della carità. Infatti, se consideriamo le cose solo dal punto di vista della giustizia, sarebbe tenuto al perdono soltanto chi è stato perdonato e risarcito prima. Ma la carità va oltre, ed esige ad esempio perdonare i nostri nemici, porre l’altra guancia a chi ci colpisce e pregare per chi ci ha offeso» (cfr. Mt 5,43-44).

“SI PECCA CONTRO LA CARITA’!”

E invece, nella quotidianità, osserva Granados, «il cristiano che rimane intrappolato nel risentimento senza riuscire a perdonare, pecca contro la carità, dimenticando l’altissimo livello di carità che comporta la nuova vita in Cristo, il quale ci ha lasciato come esempio il perdono dei suoi aguzzini: “Padre, perdonali perché non sanno quello che fanno”» (Lc 23,34).




Leggi anche:
Come si può perdonare senza continuare a odiare?

IL PROBLEMA DEL RISENTIMENTO

Tuttavia, prosegue il docente di Teologia Pastorale, «si può chiarire meglio cosa vuol dire perdonare. L’atto di perdonare riguarda soprattutto il cuore della persona, e cioè i suoi sentimenti, le sue intenzioni, i suoi pensieri nei confronti dell’offensore».

In questo senso il perdono è «una chiamata a rimuovere dal proprio cuore i sentimenti di stizza e di rabbia che prova nei confronti dell’altro. Questa rimozione non è automatica e non sempre avviene subito: infatti malgrado il fermo proposito di perdonare, spesso capita che i risentimenti riaffiorano nel cuore, soprattutto quando l’offesa è stata particolarmente grave. E questo perché il perdono in realtà è un cammino, un processo in cui il cristiano, aiutato dalla grazia, cerca nella sua orazione personale di rimuovere i sentimenti che prova verso il prossimo che l’ha offeso».

IN CAMMINO PER SUPERARE L’ANTIPATIA

Questo cammino, sottolinea Granados, «spesso dura molto tempo, a volte tutta la vita: si cerca di perdonare ma purtroppo torna l’antipatia verso quella persona. Ciò non deve stupire né scoraggiare, anzi, si deve vedere questo cammino come una palestra per crescere e purificarsi cercando con tutto il cuore un perdono più totale».

COME TRATTARE IN FUTURO QUELLA PERSONA?

Ma quali implicazioni pratiche avrebbe il perdono? Si deve chiedere al cristiano di agire nei confronti dell’offensore come se niente fosse? «Su questo punto – ribatte Granados – possiamo solo dire che ognuno dovrà discernere con la propria coscienza come regolarsi in futuro con l’offensore e che il perdono non sempre comporta il trattare quella persona come prima dell’offesa».

PRUDENZA E SOPPORTAZIONE

Anzi, spiega il pastoralista, «la prudenza, che è anche una virtù, ci potrebbe dire ad esempio che non è opportuno continuare a frequentare quella persona perché è in gioco la serenità familiare. È anche vero che il perdono a volte può esigere il sopportare una persona che ci ha offeso. Il fatto ad esempio che quella persona abbia chiesto scusa o abbia cambiato atteggiamento, è importante all’ora di determinare come comportarsi con lei in futuro».




Leggi anche:
4 storie di perdono che fanno bene al cuore

PERDONO E CONDOTTA DA TENERE

Ma si bada bene, conclude Granados, «indipendentemente di come uno decida di regolarsi in futuro con quella persona, resta sempre il dovere di perdonare. Il perdono inteso come rimozione di sentimenti cattivi verso una persona va distinto da la condotta esterna da tenere con quella persona: mentre la carità mi esige di perdonare sempre, la prudenza mi aiuta a decidere il modo di regolarmi in futuro».

Tags:
amorecarità cristiananemicipeccatoperdono
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
2
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
3
Giovanni Marcotullio
«I rapporti prematrimoniali?» «Un vero peccato!» «Ma “mortale”?» ...
4
saint paul
Giovanni Marcotullio
La Santa Sede contro il ddl Zan: è caso diplomatico
5
MOTHER AND LITTLE DAUGHTER,
Silvia Lucchetti
Lui si suicida dopo aver ucciso le figlie: Giulia torna a vivere ...
6
COUPLE GETTING MARRIED
Gelsomino Del Guercio
Il matrimonio si celebra in casa. La svolta della diocesi di Livo...
7
Lucía Chamat
La curiosa fotografia di “Gesù” che sta commuovendo la Colombia
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni