Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

Iscriviti alla Newsletter

Aleteia

La Madonna “tutta bella”

© Antoine Mekary/ALETEIA
© Antoine Mekary / ALETEIA
Condividi

La devozione all’Immacolata Concezione di Maria era diffusa a Roma già molto tempo prima del 1854, anno in cui Pio IX proclamò il dogma. A testimonianza di ciò è il magnifico affresco che si affaccia su Piazza della Rotonda (su cui si affaccia anche del Pantheon). È una “madonnella” settecentesca, una delle più grandi. L’insieme di affresco e cornice occupa lo spazio di due piani del palazzo in cui è collocata. Studi iconografici, e l’esistenza di un’incisione sull’immagine, ad opera di Vasi, in data 1775, indicano che l’affresco è stato creato verso la metà del XVIII secolo.

Il soggetto è, appunto, una “Immacolata”, dipinta secondo l’iconografia tradizionale: il manto azzurro, le mani incrociate sul seno e, sotto i suoi piedi, il globo, la falce di luna e il serpente. La cornice settecentesca in stucco è molto elegante e ornata superiormente dalla colomba divina tra tralci e volute. Alla base dell’affresco c’è una iscrizione tratta dal “Cantico dei Cantici”, inserita all’interno di un cartiglio ornato di gigli: “Tota pulchra es, amica mea, et macula non est in te”, ovvero “Sei tutta bella, amica mia, e nessuna macchia è in te”.

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni