Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 15 Maggio |
Sant'Isidoro
home iconArte e Viaggi
line break icon

La Madonnina “usurpatrice”

© Antoine Mekary/ALETEIA

Vergine col Bambino - Ponte Nomentano © Antoine Mekary / ALETEIA

Marinella Bandini - pubblicato il 06/05/17

Dietro la statua della Madonnina in gesso custodita in una nicchia del Ponte Nomentano c’è una storia a tratti dolorosa. La racconta Gherardo Ruggiero, docente di teatro e appassionato della storia di Roma. Cura visite guidate in luoghi poco conosciuti – dell’Urbe, arricchendole con aneddoti e racconti raccolti dagli abitanti del territorio. Anche in questo caso è stato lui a recuperare la storia dai protagonisti. Negli anni tra le due guerre, questa zona di Roma è ancora aperta campagna, sulle rive dell’Aniene (detto anche Teverone). La “sora” Maria aveva messo nella nicchia sul Ponte una stampa a colori raffigurante la Madonna delle Grazie.

Ogni giorno al tramonto si recava qui per pregare, con una breve processione con i bambini del quartiere, tra cui la figlia Natalina. A ogni bambino era affidato un compito: portare l’acqua, i fiori, le candele e anche un inginocchiatoio. Dopo la preghiera si faceva rientro a casa e la sora Maria regalava a ogni coppia di bambini una bottiglietta di aranciata da condividere. Arriviamo al dopoguerra e una sera, quando la piccola processione arriva al Ponte, trova la stampa della Madonna buttata a terra e al suo posto una statua in gesso della Madonna, quella visibile ancora oggi, sebbene deturpata in seguito ad atti vandalici. “Ah rega’, questa non è la Madonna nostra. A casa!” pare abbia sentenziato la sora Maria.

La preghiera non si fece e la processione tornò indietro e da allora non venne più fatta. Solo molti anni dopo si è scoperto che la statua fu collocata in quel punto probabilmente da uno dei costruttori del quartiere, la cui figlia era morta suicida. La Madonnina è stata per diverso tempo dimenticata, e anche abbandonata, quando il ponte è stato chiuso prima di renderlo area pedonale. Negli ultimi anni sono riapparsi prima una candela, poi qualche mazzolino di fiori e adesso tutti i giorni alcune signore vanno a visitare la Madonnina e se ne prendono cura.

* “sora”: termine romanesco che significa “signora”
* “Ah rega’”: esclamazione in romanesco. Si può tradurre con “ragazzi”

Tags:
arte cristianamadonna
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
chiara amirante,
Paola Belletti
Perché dobbiamo pregare per la guarigione di Chiara Amirante
2
Aleteia
Gli avvisi divertenti che si leggono nelle parrocchie
3
Padre Henry Vargas Holguín
Quali peccati un sacerdote “comune” non può perdonare?
4
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
5
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
6
Gelsomino Del Guercio
Marino Bartoletti: mi sono affidato alla Madonna dopo la morte di...
7
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni