Ricevi Aleteia tutti i giorni
Iscriviti alla newsletter di Aleteia, il meglio dei nostri articoli gratis ogni giorno
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

5 effetti collaterali dello zucchero che potrebbero sorprendervi

Shutterstock
Condividi

Anche nella moderazione, questo ingrediente pervasivo dovrebbe essere riconsiderato

ODIO lo zucchero. Sì, odiare è un termine forte, ma è decisamente appropriato per descrivere i miei sentimenti nei confronti dello zucchero, che non si sono sviluppati pienamente fino a quando sono diventata madre. E allora è stata come una bomba. La mia figlia maggiore ha scoperto lo zucchero e non è più stata la stessa! Diventa una bambina iperattiva che perde completamente il controllo su tutto, indipendentemente dall’impegno che ci mette. Aggiungete colori artificiali o qualsiasi altro tipo di spazzatura chimica e ha fondamentalmente bisogno di un esorcismo.

Mia figlia ora ha sette anni, e si conosce così bene che a volte è in grado di prendere le decisioni migliori. Non mangia caramelle e cibo spazzatura a scuola perché non vuole fare brutta impressione sull’insegnante. La riserva piuttosto a me… e alla sua sfilza sorprendente di nonni che sono i principali fornitori di zucchero.

Ma si può assumere tutto con moderazione, giusto? È vero, ma non tutto provoca una dipendenza grave e intensa. Ieri mentre correvo mi sono messa a pensare alla dipendenza che crea lo zucchero e a come la nostra cultura non affronti questo problema. È veramente l’unico prodotto che crea dipendenza come una droga ad essere totalmente legale. Dal mio punto di vista, la dipendenza dallo zucchero uccide più persone di qualsiasi altra cosa.

Cambiare stile di vita è difficile. Non vogliamo rinunciare a tutto ciò che amiamo e siamo spaventati all’idea di fallire nell’intento, ma lo zucchero è una di quelle cose che non aggiungeranno mai valore nutrizionale alla nostra vita. E sapete un’altra cosa? È ovunque, veramente ovunque. Ha addirittura oltre 60 nomi diversi!

Se tutto questo non bastasse per decidere di rinunciarvi, o di sostituirlo con il miele, lo sciroppo d’acero o lo zucchero di cocco, allora pensate a queste cose:

1. Sul vostro cervello ha lo stesso effetto della cocaina

Come con le droghe, il vostro cervello diventa desensibilizzato per via dell’eccessivo consumo, e allora per provare le stesse sensazioni dovete assumerne di più.

2. Sintomi di astinenza

Sapete bene che se ci sono sintomi di astinenza collegati a una sostanza non può far bene. Pensate a mal di testa, nervosismo, altri desideri e un notevole cattivo umore.

3. Peggiora depressione e ansia

Ci sono molti modi per aumentare i sintomi della depressione e dell’ansia mangiando. Lo zucchero rende questi sintomi più intensi e più fuori controllo.

4. Si immagazzina come grasso nel vostro corpo

Quando ingerite del saccarosio, soprattutto da solo, fa aumentare la glicemia e si immagazzina nelle vostre cellule perché non avete bisogna subito di tutta quella “energia”.

5. Il rischio è superiore alla ricompensa

In tutte le cose bisogna soppesare pro e contro. Lo zucchero può far solo male al 99% delle persone. Lascia insoddisfatti e con la voglia di consumarne di più.

E allora chi vuole questo per i propri figli? Non ho mai conosciuto un genitore che vorrebbe problemi di questo tipo per i propri bambini. Noi cerchiamo di limitare lo zucchero ai compleanni e nelle occasioni speciali. Cucino delle cose ma non sono molto dolci, e usiamo sciroppo d’acero, zucchero di cocco, melassa e altri prodotti che sono ottime alternative, ma bisogna innanzitutto allenare la propria mente a non gradire cibi e bevande molto dolci. All’inizio è difficile, ma ne vale la pena!

[Traduzione dall’inglese a cura di Roberta Sciamplicotti]

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni