Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
lunedì 17 Maggio |
San Pascual Baylón
home iconArte e Viaggi
line break icon

La Madonna che sopravvisse al bombardamento

© Antoine Mekary/ALETEIA

Madonna delle Bombe © Antoine Mekary / ALETEIA

Marinella Bandini - pubblicato il 04/05/17

La “Madonna delle bombe” deve il suo soprannome al fatto di essere rimasta miracolosamente illesa durante il bombardamento dell’1 marzo 1944 che colpì gli edifici che affacciano su Piazza del Sant’Uffizio. Quella sera, verso le 20, racconta J. S. Grioni: “Fortissime esplosioni di sei bombe sganciate da un aereo scossero gli edifici della piazza. Le schegge avevano colpito il palazzo, penetrando anche negli appartamenti e mandandone in frantumi quasi tutti i vetri, tranne quello che proteggeva la Madonna delle Grazie, rimasta stranamente intatta al centro d’una fitta rosa di colpi, ben visibili tutt’intorno all’effigie”.

L’immagine è un dipinto a fresco di scuola sette-ottocentesca, raffigurante la Madonna col Bambino, venerata come “Madonna delle Grazie” e nota anche come “Madonna delle bombe” per l’episodio ricordato. L’immagine si trova tra il palazzo del Sant’Uffizio e l’ingresso del Pontificio Oratorio di S. Pietro, in un tratto di muro racchiuso da un giardinetto. Dopo gli eventi bellici, e in seguito al fatto miracoloso, l’Oratorio di S. Pietro commissionò la sistemazione dell’immagine nella nuova cornice marmorea, ai cui lati sono posti a protezione due grandi angeli con scudi chiodati. L’iscrizione sottostante recita: “Ab angelis defensa – Kal. Mart. A. D. MCMXLIV”.

Tags:
arte cristianamadonna
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
chiara amirante,
Paola Belletti
Perché dobbiamo pregare per la guarigione di Chiara Amirante
2
Aleteia
Gli avvisi divertenti che si leggono nelle parrocchie
3
Lucía Chamat
La curiosa fotografia di “Gesù” che sta commuovendo la Colombia
4
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
5
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
6
Padre Henry Vargas Holguín
Quali peccati un sacerdote “comune” non può perdonare?
7
Padre Maurizio Patriciello
L’amore di un prete per i fratelli omosessuali e le sue pre...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni