Ricevi Aleteia tutti i giorni
Solo le storie che vale la pena leggere: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Reginetta di bellezza messicana vuole diventare suora a 20 anni

Supplied - Esmeralda Gutierrez
Condividi
Nel 2016 è stata incoronata Regina della sua città natale di Valle de Guadalupe, in Messico. Nel marzo 2017 Esmeralda Solís Gonzáles è diventata postulante delle Povere Missionarie Clarisse del Santissimo Sacramento, e ad aprile, quando la notizia si è diffusa sulla pagina facebook ufficiale di Miss Messico, Esmeralda è diventata oggetto di grande attenzione.

“Sono stata molto felice di tutto ciò che ho avuto, ma non si può paragonare alla felicità che Dio ha posto ora nel mio cuore”, ha confessato in un’intervista rilasciata alla Catholic News Agency.

Facebook
Facebook

La vocazione è stata sempre presente nella sua vita come una “piccola spina”, ha detto Esmeralda.

“Ho capito che dovevo fare spazio nella mia vita per sapere cosa Dio avesse progettato per me. Nel processo di discernimento della mia vocazione ci sono stati anche paura e dubbi, ma l’amore che Nostro Signore mi mostrava ogni giorno mi ha fatto superare ogni senso di scoraggiamento”, ha affermato.

Leggi anche: 21 anni ed entri in un convento di clausura? Intervista alla mia sorella minore

Parlando dei giovani che discernono la vocazione religiosa, la ragazza ha riconosciuto la difficoltà, ma ha detto: “Se afferri la mano di Dio sarai sempre capace di compiere il prossimo passo”.

Come postulante, primo stadio per diventare suora, Esmeralda ha scoperto rapidamente che “nella vita religiosa ogni nuovo giorno è un nuovo inizio e una nuova opportunità per diffondere il Regno di Dio. Questo implica il fatto di compiere molti sacrifici, ma sono sempre ricompensati con la felicità. (È vero che) la realtà e la presunta felicità che vende il mondo è molto attraente, (ma) bisogna tenere gli occhi fissi su ciò che dura davvero”.

“Non bisogna aver paura. Se Dio chiama, si prenderà cura di tutto. Tutto ciò che si deve fare è accoglierlo con grande pace, gioia e fiducia. Credo che la paura sia una grande scusa e sia responsabile del fatto di stroncare la vera felicità che solo Dio può offrire”, ha indicato. “Sono entrata nella vita religiosa da poco tempo, ma sono davvero molto felice”.

Leggi anche: Perché una campionessa di scherma si “rinchiude” in un convento di clausura?

[Traduzione dall’inglese a cura di Roberta Sciamplicotti]

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni