Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
lunedì 26 Luglio |
San Giacomo il Maggiore
home iconArte e Viaggi
line break icon

Il mosaico di Maria e l’attentato a Giovanni Paolo II

© Antoine Mekary/ALETEIA

Mosaic on the Mater Ecclesiae Monastery inside Vatican City, Saint Peter's Square, Vatican City State, Italy © Antoine Mekary / ALETEIA

Marinella Bandini - pubblicato il 03/05/17

L’immagine di Maria “Mater Ecclesiae” domina su Piazza San Pietro, affacciata dal Palazzo Apostolico. È lei a vegliare sulla piazza dal 7 dicembre 1981, per volere di Giovanni Paolo II, il cui stemma e motto “Totus tuus” sono scolpiti alla base del mosaico. La storia di questa immagine è legata a Giovanni Paolo II, che da subito attribuì la sua salvezza nell’attentato del 13 maggio 1981 alla protezione di Maria. Anche per questo, riprese l’idea che uno studente gli aveva esposto un anno prima ed espresse il desiderio che nella piazza fosse collocata, ben visibile, un’immagine della Madonna, stranamente mancante.

Quanto al soggetto, Giovanni Paolo II chiese una raffigurazione della Madonna “Mater Ecclesia”, perché – disse – “la Madre di Dio è sempre stata unita alla Chiesa ed è stata sentita sempre come particolarmente vicina nei momenti difficili della sua storia”. L’immagine è ispirata a un antico affresco – una Madonna col Bambino – del XV secolo, conosciuto come “Madonna della colonna” in quanto realizzato su una colonna dell’antica basilica costantiniana. Nel 1964 Papa Paolo VI proclamò solennemente Maria “Madre della Chiesa” e nel 1970 l’iscrizione “Mater Ecclesiae” fu inserita in questo antico affresco.

Il mosaico – ispirato alla Madonna della colonna che veniva dalla basilica costantiniana – fu realizzato dai mosaicisti dello Studio del Mosaico Vaticano, e montato il 7 dicembre 1981. II giorno seguente, festa dell’Immacolata, Giovanni Paolo II lo benedisse, esprimendo il desiderio “che quanti verranno in questa Piazza di san Pietro levino verso di Lei lo sguardo, per rivolgerle, con sentimento di filiale confidenza, il proprio saluto e la propria preghiera”.

Tags:
arte cristianamadonna
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Theresa Aleteia Noble
I consigli di 10 sacerdoti per una confessione migliore
2
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
3
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
4
Catholic Link
Una guida per l’esame di coscienza da ripassare prima di og...
5
Gelsomino Del Guercio
Cesare Cremonini indica al cardinale Zuppi “la strada per i...
6
José Miguel Carrera
La lettera di un giovane ex-protestante convertitosi al cattolice...
7
PILGRIMAGE,ROME
Giovanni Marcotullio
Lo stato della questione sulla Messa in “rito antico”
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni