Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
lunedì 14 Giugno |
Sant'Antonio da Padova
home iconNews
line break icon

La lezione di Papa Francesco all’Egitto: uguaglianza e libertà prendano il posto di estremismi e idee omicide

AFP | Egyptian Presidency

AFP PHOTO / EGYPTIAN PRESIDENCY / HO / RESTRICTED TO EDITORIAL USE - MANDATORY CREDIT "AFP PHOTO / HO / EGYPTIAN PRESIDENCY" - NO MARKETING NO ADVERTISING CAMPAIGNS - DISTRIBUTED AS A SERVICE TO CLIENTS

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 28/04/17

Il pontefice al presidente Al Sisi e alle autorità riunite al Cairo: ripudiare il male e insegnare Dio alle nuove generazioni

«Lo sviluppo, la prosperità e la pace sono beni irrinunciabili che meritano ogni sacrificio. Sono anche obiettivi che richiedono lavoro serio, impegno convinto, metodologia adeguata e, soprattutto, rispetto incondizionato dei diritti inalienabili dell’uomo, quali l’uguaglianza tra tutti i cittadini, la libertà religiosa e di espressione, senza distinzione alcuna».

Il messaggio di Papa Francesco arriva forte e chiaro alla platea di autorità egiziane riunite all’Hotel Al-Màsah del Cairo. Ottocento persone, con a capo il presidente Al Sisi, ascoltano in silenzio le parole del pontefice.

Uguaglianza e libertà, osserva Bergoglio, «esigono una speciale attenzione al ruolo della donna, dei giovani, dei più poveri e dei malati. In realtà, lo sviluppo vero si misura dalla sollecitudine che si dedica all’uomo – cuore di ogni sviluppo – alla sua educazione, alla sua salute e alla sua dignità».

LA GRANDEZZA DI UNA NAZIONE

Infatti, prosegue Papa Francesco, «la grandezza di qualsiasi nazione si rivela nella cura che essa dedica realmente ai più deboli della società: le donne, i bambini, gli anziani, i malati, i disabili, le minoranze, affinché nessuna persona e nessun gruppo sociale rimangano esclusi o lasciati ai margini».

“RIPUDIARE IL MALE”

Di fronte a uno scenario mondiale delicato e complesso, «»che fa pensare a quella che ho chiamato una “guerra mondiale a pezzi”, occorre affermare che «non si può costruire la civiltà senza ripudiare ogni ideologia del male, della violenza e ogni interpretazione estremista che pretende di annullare l’altro e di annientare le diversità manipolando e oltraggiando il Sacro Nome di Dio».




Leggi anche:
Le chiavi della visita del papa in Egitto

LA “LEZIONE” DI DIO

Il dovere di tutti, secondo Papa Francesco, è di insegnare alle nuove generazioni che Dio, il Creatore del cielo e della terra. «Egli non vuole mai la morte dei suoi figli ma la loro vita e la loro felicità; Egli non può né chiedere né giustificare la violenza, anzi la detesta e la rigetta. Il vero Dio – sentenzia il Papa – chiama all’amore incondizionato, al perdono gratuito, alla misericordia, al rispetto assoluto di ogni vita, alla fraternità tra i suoi figli, credenti e non credenti».

“SMONTARE LE IDEE OMICIDE ED ESTREMISTE”

La storia, infatti, lascia un segno negativo su chi proclama la giustizia e pratica l’ingiustizia; «non perdona quanti parlano dell’eguaglianza e scartano i diversi». «Abbiamo il dovere – dice senza giri di parole – di smontare le idee omicide e le ideologie estremiste, affermando l’incompatibilità tra la vera fede e la violenza, tra Dio e gli atti di morte».

Infine Papa Francesco cita il Vangelo: «La storia invece onora i costruttori di pace, che, con coraggio e senza violenza, lottano per un mondo migliore: “Beati gli operatori di pace perché saranno chiamati figli di Dio” (Mt 5, 9).

Tags:
egittopapa francesco
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
2
Landen Hoffman
Sarah Robsdotter
“Gli angeli mi hanno preso e Gesù mi vuole bene”: un bimbo di 5 a...
3
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
4
Gelsomino Del Guercio
Strano cerchio bianco sulla testa del Papa. Il video diventa vira...
5
MOTHER AND LITTLE DAUGHTER,
Silvia Lucchetti
Lui si suicida dopo aver ucciso le figlie: Giulia torna a vivere ...
6
Lucía Chamat
La curiosa fotografia di “Gesù” che sta commuovendo la Colombia
7
Catholic Link
Non mi piaceva Santa Teresa di Lisieux finché non ho imparato que...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni