Ricevi Aleteia tutti i giorni

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

La lezione di Papa Francesco all’Egitto: uguaglianza e libertà prendano il posto di estremismi e idee omicide

AFP | Egyptian Presidency
AFP PHOTO / EGYPTIAN PRESIDENCY / HO / RESTRICTED TO EDITORIAL USE - MANDATORY CREDIT "AFP PHOTO / HO / EGYPTIAN PRESIDENCY" - NO MARKETING NO ADVERTISING CAMPAIGNS - DISTRIBUTED AS A SERVICE TO CLIENTS
Condividi

Il pontefice al presidente Al Sisi e alle autorità riunite al Cairo: ripudiare il male e insegnare Dio alle nuove generazioni

«Lo sviluppo, la prosperità e la pace sono beni irrinunciabili che meritano ogni sacrificio. Sono anche obiettivi che richiedono lavoro serio, impegno convinto, metodologia adeguata e, soprattutto, rispetto incondizionato dei diritti inalienabili dell’uomo, quali l’uguaglianza tra tutti i cittadini, la libertà religiosa e di espressione, senza distinzione alcuna».

Il messaggio di Papa Francesco arriva forte e chiaro alla platea di autorità egiziane riunite all’Hotel Al-Màsah del Cairo. Ottocento persone, con a capo il presidente Al Sisi, ascoltano in silenzio le parole del pontefice.

Uguaglianza e libertà, osserva Bergoglio, «esigono una speciale attenzione al ruolo della donna, dei giovani, dei più poveri e dei malati. In realtà, lo sviluppo vero si misura dalla sollecitudine che si dedica all’uomo – cuore di ogni sviluppo – alla sua educazione, alla sua salute e alla sua dignità».

LA GRANDEZZA DI UNA NAZIONE

Infatti, prosegue Papa Francesco, «la grandezza di qualsiasi nazione si rivela nella cura che essa dedica realmente ai più deboli della società: le donne, i bambini, gli anziani, i malati, i disabili, le minoranze, affinché nessuna persona e nessun gruppo sociale rimangano esclusi o lasciati ai margini».

“RIPUDIARE IL MALE”

Di fronte a uno scenario mondiale delicato e complesso, «»che fa pensare a quella che ho chiamato una “guerra mondiale a pezzi”, occorre affermare che «non si può costruire la civiltà senza ripudiare ogni ideologia del male, della violenza e ogni interpretazione estremista che pretende di annullare l’altro e di annientare le diversità manipolando e oltraggiando il Sacro Nome di Dio».

LA “LEZIONE” DI DIO

Il dovere di tutti, secondo Papa Francesco, è di insegnare alle nuove generazioni che Dio, il Creatore del cielo e della terra. «Egli non vuole mai la morte dei suoi figli ma la loro vita e la loro felicità; Egli non può né chiedere né giustificare la violenza, anzi la detesta e la rigetta. Il vero Dio – sentenzia il Papa – chiama all’amore incondizionato, al perdono gratuito, alla misericordia, al rispetto assoluto di ogni vita, alla fraternità tra i suoi figli, credenti e non credenti».

“SMONTARE LE IDEE OMICIDE ED ESTREMISTE”

La storia, infatti, lascia un segno negativo su chi proclama la giustizia e pratica l’ingiustizia; «non perdona quanti parlano dell’eguaglianza e scartano i diversi». «Abbiamo il dovere – dice senza giri di parole – di smontare le idee omicide e le ideologie estremiste, affermando l’incompatibilità tra la vera fede e la violenza, tra Dio e gli atti di morte».

Infine Papa Francesco cita il Vangelo: «La storia invece onora i costruttori di pace, che, con coraggio e senza violenza, lottano per un mondo migliore: “Beati gli operatori di pace perché saranno chiamati figli di Dio” (Mt 5, 9).

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni