Aleteia logoAleteia logoAleteia
lunedì 23 Maggio |
San Desiderio da Genova
Aleteia logo
Spiritualità
separateurCreated with Sketch.

Aneddoti che raccontano l’umorismo di Padre Pio

WEB-Padre Pio

Fair Use | Unknown

Web católico de Javier - pubblicato il 27/04/17


«Mi ha dato la benedizione finale facendo il segno della croce con estrema lentezza, ma così tanto che pensai: “Ma ce la farà a finirlo?”», spiegò ai suoi fedeli. «Ecco il suo consiglio!», esclamarono. «Lei invece lo fa così veloce, quando ci dà la benedizione, che assomiglia più a uno scarabocchio che a una croce». Il prete si rallegrò di aver finalmente ricevuto un consiglio, con quel tocco originale tipico di Padre Pio.

La guardia e i ladri

Dei ladri imperversavano in un quartiere di Roma, e questo impediva a un tale di andare a trovare padre Pio. Alla fine prese la decisione di andare lo stesso, concludendo una specie di patto mentale con lui: «Padre Pio, io vengo a trovarvi se voi pensate alla mia casa…».

Una volta arrivato a san Giovanni Rotondo, poté confessarsi col religioso. Il giorno seguente andò a salutarlo, e ne fu ripreso così: «E tu ancora qua stai? E io che sudo a tenere ferma la porta di casa tua!».

Si mise allora immediatamente in viaggio, senza capire che cosa avesse voluto dirgli. Arrivato sul posto, realizzò rapidamente che i ladri erano effettivamente venuti: avevano forzato la serratura, ma in casa non mancava niente.

I bambini e le caramelle

Una donna non era andata a trovare padre Pio da così tanto tempo che si arrovellava al pensiero che il religioso si fosse certamente scordato di lei. Una mattina, dopo aver affidato la figlia alla sua protezione, come era solita fare, si recò alla messa. Tornando, trovò la figlioletta che mangiava una caramella. Le chiese, stupita, chi le avesse dato quel “melito” – era solita chiamare così le caramelle. Tutta contenta, la bambina le indicò il ritratto di Padre Pio che sovrastava il box in cui la madre la metteva nei brevi momenti delle sue assenze. La donna non diede oltre importanza all’episodio.

Dopo qualche tempo, non riuscendo a darsi pace per il tempo intercorso dall’ultima visita a Padre Pio, riuscì finalmente ad andare. Subito dopo la confessione, si avvicinò per baciargli la mano. E lui di rimando le disse, ridendo: «Che vuoi pure tu una caramella?».

Un uomo calvo

C’era un uomo che soffriva di calvizie ma che rifiutava risolutamente l’idea di diventare pelato. Andò un giorno da Padre Pio e gli chiese: «Padre, pregate perché i miei capelli non caschino!».

In quel preciso momento, il religioso stava scendendo i gradini del coro. L’uomo lo seguì con gli occhi, lo sguardo ansioso in attesa di una risposta. Quando gli fu vicino, il suo viso cambiò d’espressione e, con uno sguardo suggestivo, indicò una persona che veniva dietro di lui, dicendogli: «Raccomandati a lui». L’uomo si girò e vide un prete completamente calvo, con una testa così brillante che luccicava come uno specchio. «Ci siamo messi a ridere a crepapelle tutti e tre».

La scarpa in faccia

Un parrocchiano di Padre Pio soffriva di terribili mal di denti. Il dolore era così forte che non gli lasciava tregua, al punto che sua moglie gli suggerì: «Perché non preghi Padre Pio che ti liberi da questa sofferenza? Tieni, ecco la sua foto: pregalo». Il marito ne rimase seccato e gridò furibondo: «Con un dolore simile non hai niente di meglio da propormi che la preghiera?». Si tolse allora una scarpa e la scagliò con tutte le sue forze contro il ritratto di Padre Pio.

Qualche mese più tardi la moglie riuscì a convincerlo ad andare a confessarsi da Padre Pio a San Giovanni Rotondo. Si mise in ginocchio nel confessionale del religioso e, dopo aver enunciato la lista di tutti i peccati di cui si ricordava, Padre Pio gli rispose: «Di che altro ti ricordi?». «Nient’altro», replicò l’uomo. «Nient’altro? E la scarpa che mi hai tirato in faccia dove la mettiamo?».

Il saluto “grande grande”

Una figlia spirituale di Padre Pio era rimasta a San Giovanni Rotondo tre settimane, col solo scopo di riuscire a confessarsi da lui. Non riuscendoci, non si rassegnava a tornare a casa sua, in Svizzera, da quanto era profonda la sua tristezza. Si ricordò allora all’improvviso che Padre Pio dava tutti i giorni la benedizione dalla finestra della sua cella.

Si rinfrancò al pensiero di poter almeno ricevere la sua benedizione prima di partire. Così si affrettò a raggiungere il convento. Cammin facendo diceva tra sé e sé: «Voglio un saluto grande, grande: per me soltanto!». Quando arrivò al convento, non incontrò che persone che si disperdevano, a poco a poco. Padre Pio aveva già dato la benedizione. Aveva salutato tutti agitando il fazzoletto dall’alto della sua finestrella e poi si era ritirato per riposare.

  • 1
  • 2
  • 3
Tags:
miracolisan pio da pietrelcina
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni