Aleteia

Novena alla Divina Misericordia: terzo giorno

Jesus Christ on the cross © Anilah / Shutterstock
Condividi
Commenta

La Novena alla Divina Misericordia insegnata da Gesù a Suor Faustina Kowalska

Santa Pasqua!

Oggi è il terzo giorno della novena alla Divina Misericordia (qui primo e secondo).

La festa fu istituita da Giovanni Paolo II nel 1992, che fissò la data nella prima domenica dopo Pasqua, la cosiddetta “Domenica in albis”. La scelta della prima domenica dopo Pasqua ha un significato teologico profondo: mostra il connubio tra il mistero pasquale della Redenzione e la festa della Divina Misericordia.

Infatti la novena si comincia dal giorno del Venerdì Santo, preannuncio della Resurrezione di Cristo. Fu Gesù stesso a volerla, rivelò questo suo desiderio a Suor Faustina per la prima volta il 22 febbraio del 1931:

“(…) Io desidero che vi sia una festa della Misericordia. Voglio che l’immagine, che dipingerai con il pennello, venga solennemente benedetta nella prima domenica dopo Pasqua; questa domenica deve essere la festa della Misericordia” (Q. I).

La Novena è il modo migliore per prepararsi alla Festa, Gesù ha detto a Suor Faustina che chiunque la reciterà verrà ricolmato di ogni genere di grazie.

Preghiamo insieme attraverso le foto qui in basso le meditazioni del terzo giorno, tratte direttamente dal “Diario” di Santa Faustina Kowalska. Dopo aver letto le riflessioni, prendete il rosario per pregare la Coroncina alla Divina Misericordia.

Il terzo giorno meditiamo “sulla grande manifestazione della Divina Misericordia: il dono pasquale del
Sacramento della Penitenza che, nell’azione liberatrice dello Spirito Santo, reca risurrezione e pace ai nostri spiriti” e preghiamo “per tutti i cristiani fedeli” (festadelladivinamisericordia.com).
Prima di recitare l’ultima invocazione che comincia con “Eterno Padre”, preghiamo un Pater… Ave… Gloria.

COME PREGARE LA CORONCINA ALLA DIVINA MISERICORDIA:

Si recita con la corona del Rosario.

Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Amen.

Padre Nostro, che sei nei cieli, sia santificato il tuo nome, venga il tuo regno, sia fatta la tua volontà, come in cielo così in terra. Dacci oggi il nostro pane quotidiano, e rimetti a noi i nostri debiti come noi li rimettiamo ai nostri debitori, e non ci indurre in tentazione, ma liberaci dal male. Amen.

Ave Maria, piena di grazia, il Signore è con te. Tu sei benedetta fra le donne e benedetto è il frutto del tuo seno, Gesù. Santa Maria, Madre di Dio, prega per noi peccatori, adesso e nell’ora della nostra morte. Amen

Io credo in Dio, Padre onnipotente, creatore del cielo e della terra; e in Gesù Cristo, suo unico Figlio, nostro Signore, il quale fu concepito di Spirito Santo, nacque da Maria Vergine, patì sotto Ponzio Pilato, fu crocifisso, morì e fu sepolto; discese agli inferi; il terzo giorno risuscitò da morte; salì al cielo, siede alla destra di Dio Padre onnipotente; di là verrà a giudicare i vivi e i morti. Credo nello Spirito Santo, la santa Chiesa cattolica, la comunione dei santi, la remissione dei peccati, la risurrezione della carne, la vita eterna. Amen.

Sui grani del Padre Nostro si dice:

Eterno Padre, io Ti offro il Corpo e il Sangue, l’Anima e la Divinità del Tuo dilettissimo Figlio, Nostro Signore Gesù Cristo, in espiazione dei nostri peccati e di quelli del mondo intero.

Sui grani dell’Ave Maria si dice:

Per la Sua dolorosa Passione, abbi misericordia di noi e del mondo intero.

Alla fine si dice tre volte:

Santo Dio, Santo Forte, Santo Immortale, abbi pietà di noi e del mondo intero.

E si termina con l’invocazione:

O Sangue e Acqua, che scaturisti dal Cuore di Gesù come sorgente di misericordia per noi, confido in Te.

Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Amen.

Buona novena!

Condividi
Commenta
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni