Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 27 Febbraio |
San Gabriele dell'Addolorata
home iconStorie
line break icon

La lotta contro il cancro e l’amore per Dio di un giovane straordinario

Gelsomino Del Guercio - Aleteia - pubblicato il 12/04/17

Il 24 aprile si conclude la fase diocesana della causa di Matteo Farina. Ricordato a Brindisi, ma non solo

Il ricordo di Matteo Farina, nato ad Avellino il 19 settembre del 1990, ma vissuto a Brindisi è un qualcosa d’incancellabile, soprattutto dopo la sua prematura scomparsa avvenuta il 24 aprile 2009, quasi 19enne, dopo aver affrontato con una incredibile forza d’animo e profonda spiritualità le atroci sofferenze causate da un tumore al cervello.

Matteo è diventato Servo di Dio il 19 settembre scorso (giorno del suo compleanno) quando è stato avviato il processo di beatificazione e canonizzazione (Famiglia Cristiana, 1 aprile).

Nei mesi successivi sono state raccolte dal Tribunale Ecclesiastico della Arcidiocesi di Brindisi-Ostuni le testimonianze che potranno portare agli altari il giovane che si è sempre prodigato per il prossimo, impegnandosi quotidianamente contro le ingiustizie sociali ed economiche oppure contro i falsi miti che spesso distolgono i suoi coetanei dai veri valori della vita.

La sessione conclusiva della fase diocesana del processo di beatificazione e canonizzazione si terrà il 24 aprile prossimo, nell’ottavo anniversario della morte di Matteo. Concluso l’iter diocesano, tutta la documentazione sarà inviata al vaglio della Chiesa Romana perché possa accertarne la validità ed esprimere il suo giudizio.

“IL MORALIZZATORE”

Per tutti resta un ragazzo d’oro, con il suo entusiasmo contagioso, la sua inconfondibile voglia di vivere, di portare gioia e serenità, di essere, come amava definirsi, “un infiltrato di Dio tra i giovani”. I suoi coetanei lo chiamavano “il moralizzatore”.

LA LOTTA CONTRO IL TUMORE

I primi sintomi della grave malattia affiorarono nel settembre del 2003 a causa di un tumore cerebrale. Si sottopose ad un primo intervento nel gennaio del 2005. Due anni dopo la seconda operazione, seguita da altre successive per la ricomparsa di recidive. Durante i diversi ricoveri in clinica ed in ospedale, quasi dimentico di se stesso, pregava per gli altri ammalati portando conforto e trasmettendo loro tutta la dolcezza dell’amore divino. Il calvario fatto di dolori fisici e tormenti non ha mai scalfito la sua gioia di vivere. La storia d’amore con Serena, che gli è stata vicino negli ultimi anni della sua vita, è il fiore più raro che sboccia anche nel terreno più arido.

“MAI FATTO PESARE LA MALATTIA”

«Matteo non ha mai fatto pesare la sua malattia», dichiarò una volta la sua mamma Paola. «E’ lui che mi ha dato la forza di affrontare i momenti più duri. Mi diceva: non ti preoccupare perché sai bene perché il Signore ci sceglie» La malattia come una prova da offrire a Dio.

UNA FEDE “GRANITICA”

La postulatrice Francesca Consolini aggiunge: «nel momento in cui si manifestò la neoplasia Matteo diventò il più forte di tutti. E’ lui che dava coraggio e infondeva serenità nei suoi familiari. Non si è mai sentito un malato. Ha continuato a studiare con ottimi risultati, a progettare un futuro con la sua fidanzata, a testimoniare con la vita e i suoi numerosi scritti una fede granitica e un abbandono totale alla volontà del Signore: “Accucciati umile nelle braccia di Dio e lasciati andare”».

“MI DISSE: VAI AVANTI E NON AVERE MAI PAURA”

Il dirigente scolastico dell’Itis Majorana (la scuola che frequentava Matteo), Salvatore Giuliano raccontava un aneddoto a La Repubblica (15 marzo): «Negli ultimi mesi di vita la scuola organizzò una festa in occasione del suo ritorno da Hannover: fu l’ultimo intervento e lui era già sulla sedia a rotelle. Festeggiammo tutti insieme. Alla fine della festa lo accompagnai fuori, rimanemmo da soli.Sapevo che non l’avrei rivisto, lo sentivo. Mi disse: ‘Preside, farai grandi cose. Vai avanti e non avere mai paura”. Fu profetico. La digitalizzazione della scuola all’epoca non era ancora partita. Mi ricordo quella scena come fosse ieri. Fu profetico».

LE STESSE PAROLE DI PADRE PIO

Toccante la testimonianza della presidente diocesana dell’Apostolato della Preghiera, Maria Bafaro: «Penso che il senso del messaggio inequivocabile che Matteo lascia ai giovani di oggi è che è possibile conciliare l’essere giovani con l’essere cristiani realizzati e perciò felici. Questo messaggio è espresso anche nelle parole che Padre Pio gli dice in quel sogno fatto all’età di nove anni: “Se sei riuscito a capire che chi è senza peccato è felice, devi farlo capire agli altri, in modo che potremo andare tutti insieme, felici, nel regno dei cieli”» (Brindisi report, 21 marzo).

Tags:
cancrotestimonianze di vita e di fede
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE EASTER
Gelsomino Del Guercio
Papa Francesco: “Non dovete mai convincere un non credente”
2
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
3
CATERINA SCORSONE
Cerith Gardiner
19 personaggi famosi orgogliosi dei propri figli con necessità sp...
4
Paola Belletti
Aiutiamo Debora Vezzani? Tutta la famiglia con il Covid, lei la p...
5
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti maligni a San Miche...
6
CAIN AND WIFE
Francisco Vêneto
Con chi si è sposato Caino, se Adamo ed Eva avevano solo figli ma...
7
Gelsomino Del Guercio
Congo, Attanasio salvò dal Covid suor Annalisa. “Devo a lui la mi...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni