Aleteia logoAleteia logoAleteia
mercoledì 01 Dicembre |
Sant'Andrea
Aleteia logo
Chiesa
separateurCreated with Sketch.

L’ISIS cercherà di uccidere il papa durante la sua visita in Egitto?

Creative Commons

Aleteia Brasil - pubblicato il 12/04/17

È il timore di alcuni giornalisti e analisti

Il Vaticano ha confermato che Papa Francesco manterrà il suo viaggio già programmato in Egitto il 28 e il 29 aprile nonostante gli attentati che il gruppo terrorista dello Stato Islamico ha perpetrato nel Paese contro due chiese cristiane copte la Domenica delle Palme, che hanno provocato almeno 44 morti e oltre 100 feriti, tra cui numerosi bambini.

Molti siti hanno detto che tra le vittime c’era anche questo bambino fotografato come chierichetto nella celebrazione liturgica di una delle chiese attaccate, ma la foto risale al 2016 e il piccolo, che si chiama Anthony Monna e ha 5 anni, grazie a Dio è vivo e sta bene.

Il viaggio di Papa Francesco e i suoi rischi

Non appena il Vaticano ha confermato il viaggio pontificio in Egitto, migliaia di internauti hanno espresso sulle reti sociali un misto di sostegno e apprensione per via dei rischi che comporta. Giornalisti e commentatori internazionali hanno scritto sul caso e sono arrivati a suggerire, o anche a chiedere apertamente, che Francesco eviti il viaggio. Tra i commenti che hanno avuto più ripercussioni e sono stati citati anche da altre fonti c’è quello di Gustavo Chacra sul suo blog sul sito Estadão. A suo avviso, “lo Stato Islamico cercherà di uccidere Papa Francesco in Egitto a fine aprile”.

(In questo lungo video i jihadisti del Misr mostrano l’attentato kamikaze che ha colpito la cattedrale di San Marco al Cairo, nella cappella dedicata ai Santi Pietro e Paolo, e mostrano ripetutamente Papa Francesco, indicato come il vero nemico da colpire)

Secondo il giornalista, l’Egitto non ha alcuna capacità di proteggere Papa Francesco, visto che fallisce nel difendere i propri cittadini cristiani. I copti hanno denunciato di essere considerati cittadini di seconda classe e di subire una continua discriminazione nel proprio Paese, sia da parte della maggioranza islamica (che rappresenta il 90% della popolazione egiziana) che da parte delle autorità in generale.

Nonostante lo scenario cupo, Papa Francesco vuole offrire la propria solidarietà ai cristiani egiziani, divisi tra ortodossi (la maggioranza), cattolici e protestanti, nonché incontrare il Presidente Abdel Fattah al Sisi, il Grande Imam della moschea di al-Azhar, Ahmed el Tayeb, e Tawadros II, patriarca dei cristiani copti ortodossi, che era stato in una delle chiese attaccate la mattina della Domenica delle Palme ma era già andato via quando si è verificata l’esplosione.

Per completare il quadro di rischio, è noto che il Santo Padre rifiuta in genere alcune misure di sicurezza, come il veicolo blindato, perché vuole incontrare direttamente le persone e stare in mezzo a loro come dimostrazione di vicinanza.

La sfida che rappresenta il compito di proteggere Francesco è già stata ammessa in occasioni precedenti dagli stessi responsabili della sua custodia in Vaticano. Il rischio, insomma, esiste sempre e in ogni luogo, ma in Europa è relativamente gestibile. In Egitto, invece, la situazione è del tutto diversa. Lo stesso Chacra, per avvalorare la sua idea per cui il Santo Padre dovrebbe cancellare il viaggio, commenta cosa pensa che avverrebbe se Papa Francesco subisse un attentato nel Paese:

“Nel caso in cui uccidano il papa in Egitto, sarà il colpo finale a qualsiasi speranza di tolleranza religiosa nel mondo. Se il più grande leader cristiano morisse in un attentato perpetrato dagli jihadisti in una Nazione a maggioranza islamica, la questione influirebbe per intere generazioni sul modo in cui i cattolici e i cristiani in generale in Occidente considerano la comunità musulmana, anche se il responsabile in questo caso sarebbe un gruppo terrorista e non la religione in sé”.

Precedenti

Nel corso della storia della Chiesa ci sono stati vari casi di tentativi di omicidio di un papa. Negli ultimi decenni, il più grave ha avuto come bersaglio San Giovanni Paolo II in piena Piazza San Pietro. Il papa polacco è stato infatti raggiunto da due colpi di arma da fuoco dal turco Mehmet Ali Ağca il 13 maggio 1981, festa di Nostra Signora di Fatima.

I medici sono arrivati a temere seriamente per la vita del pontefice, che sorprendentemente è sopravvissuto e ha dichiarato che “una mano ha premuto il grilletto, un’altra mano materna ha deviato la traiettoria del proiettile”, riferendosi alla strana traiettoria della pallottola che ha evitato gli organi vitali.

[Traduzione dal portoghese a cura di Roberta Sciamplicotti]

Tags:
copticristiani perseguitatiegittopapa francesco
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni