Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
venerdì 04 Dicembre |
San Giovanni Damasceno
home iconChiesa
line break icon

Docce, barbiere, lavanderia: così Papa Francesco ridà dignità a poveri e senza fissa dimora!

© ALBERTO PIZZOLI / AFP

Pope Francis greets homeless during his general audience at St Peter's square on December 17, 2014 at the Vatican. Tango enthusiasts gather today in St Peter's square to celebrate Pope Francis 78th birthday by dancing a giant tango at the end of the audience. AFP PHOTO / ALBERTO PIZZOLI

Gelsomino Del Guercio - Aleteia - pubblicato il 12/04/17

Ci sono quasi 400 poveri che usufruiscono di tutti questi servizi messi in piedi dal pontefice

«Tutti dobbiamo costruire una Chiesa povera per i poveri», ammoniva Papa Francesco nell’udienza dell 11 novembre 2016 di fronte a 6mila senza fissa dimora (Aleteia, 11 novembre 2016).

Da allora si è intensificata un’ “offensiva” del Vaticano per ridare quella dignità perduta ai poveri, sopratutto quelli che sostano nei pressi di Piazza San Pietro e più in generale a Roma.

“LAVANDERIA DI PAPA FRANCESCO”

E in quella parola, “dignità”, che prende forma l’ultima iniziativa denominata “Lavanderia di Papa Francesco”. Non è naturalmente un’attività commerciale, ma un servizio gratuito offerto dall’Elemosineria Apostolica a poveri e senza fissa dimora come segno concreto dell’Anno giubilare della Misericordia. A gestirlo sarà la Comunità di Sant’Egidio (Avvenire, 10 aprile).

L’IMPEGNO DI SANT’EGIDIO

Nei locali adibiti a lavanderia in funzione sei lavatrici e sei asciugatrici di ultima generazione con relativi ferri da stiro, il tutto donato da dalla multinazionale Whirlpool, e il gruppo Procter & Gamble, che già da due anni dona rasoi e schiuma da barba Gillette alla ‘barberia per i poveri’ del Colonnato di San Pietro, ha assicurato la fornitura completa e gratuita di detergenti Dash e Lenor per il bucato.

La lavanderia è collocata all’interno del “Centro Genti di Pace” della Comunità Sant’Egidio, presso l’antico complesso ospedaliero del San Gallicano (Radio Vaticana, 10 aprile).

SFORZI RADDOPPIATI

Spiega Carlo Santoro, uno dei responsabili del servizio per i senza dimora della Comunità: «Io penso che sia un passo ulteriore che noi facciamo verso i poveri e soprattutto verso le persone che stanno per la strada, perché noi sappiamo che molti di loro hanno la necessità – come ognuno di noi – di cambiare i propri vestiti, di arrivare a una dignità che riguarda la cura della persona».

«Noi – prosegue – già avevamo una piccola lavanderia; con questo ‘sforzo’ del Papa e dell’Elemosineria, questa struttura viene raddoppiata e così, in questa maniera, noi potremmo avere quasi 400 poveri che potranno usufruire di tutti questi servizi».

DOCCE E BARBIERE

Prima della lavanderia, c’erano state già due iniziative a favore della cura personale di poveri e senza fissa dimora: le docce sotto il Colonnato del Bernini a San Pietro e una piccola postazione per un barbiere per i clochard del Vaticano.

Il tutto con grande sobrietà e dignità, ma utilizzando anche tecniche moderne: ogni lavandino è dotato di acqua calda, dispense per il sapone e getto di aria calda per asciugare le mani, tutti azionati da fotocellule; al posto delle piastrelle è stata usata una particolare resina per rivestire i muri, facilmente lavabile e che assicura massima igiene (La Repubblica, 18 febbraio 2015).

Le docce funzionano ogni giorno, tranne il mercoledì per l’udienza generale e quando si svolgono celebrazioni in San Pietro o in Piazza. Il lunedì, il giovedì e il sabato il servizio e la gestione delle docce è assicurato dai volontari dell’Unitalsi della Sezione di Roma.




Leggi anche:
Che cosa sta succedendo nel quartiere di Papa Francesco?

1000 PASTI GRATIS

Ma c’è di più. Perché anche sul fronte alimentare – non direttamente il Vaticano ma anche in questo caso le sollecitazioni del papa sono state decisive – c’è una novità per i poveri a partire dall’inizio dell’anno.

Ha preso il via, infatti, la collaborazione tra l’associazione Medicina Solidale e il ristorante McDonald’s di Borgo Pio per il sostegno alimentare delle persone senza fissa dimora che vivono nella zona di San Pietro. A disposizione oltre 1000 pasti distribuiti ai clochard presenti nelle strade vicine alla basilica papale (Ansa, 12 gennaio).

Tags:
carità cristianapapa francescosenzatetto
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
POPE FRANCIS ON CHRISTMAS
Giovanni Marcotullio
Non esiste alcuna “Messa di Mezzanotte”... sì...
FATHER JOHN FIELDS
John Burger
Muore sacerdote che si era offerto volontario...
MARIA DEL MAR
Rodrigo Houdin
È stata abbandonata in una discarica, ma ha c...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
CHARLES
Anna Ashkova
La preghiera del Beato Charles de Foucauld da...
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni