Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
mercoledì 28 Ottobre |
Santi Simone e Giuda
home iconFor Her
line break icon

Spiegare alle figlie come si diventa donne. Come si fa?

Pixabay.com/Public Domain

Paola Belletti - Aleteia - pubblicato il 11/04/17

Dalla mia esperienza personale degli incontri Il Corpo racconta un invito ad accompagnare le nostre figlie alla scoperta della bellezza vera e profonda della nostra corporeità

Un esempio positivo ed un vero percorso di introduzione alla corporeità, all’amore e alla sessualità. Un’occasione che mi sento di suggerire a tutte.

Vi racconto la mia esperienza degli Incontri Il Corpo racconta meglio conosciuti come Incontri mamma-figlia inventati da «Fabia Ferrari-Augustoni, sposa e mamma, insegnante del Metodo dell’Ovulazione Billings, animatrice di corsi di educazione sessuale e formatrice di adulti.

La novità di questi incontri “Mamma & Figlia” è rappresentata da un approccio positivo, bello e pulito ai temi sessualità-amore-corporeità senza limitarsi ad una proposta esclusivamente informativa, ma tenendo conto degli aspetti affettivi e dei significati valoriali. Non si tratta di lezioni frontali noiose, ma laboratori interattivi originali e creativi che utilizzano una didattica concreta e coinvolgente.

Gli incontri “Mamma & Figlia” sono un momento educativo-formativo per la ragazza di circa 11 anni, nel momento dunque dello sviluppo, accompagnata dalla mamma. Si tratta di due incontri di tre ore ciascuno sulle tematiche della sessualità e dell’affettività, in gruppi di circa 7 coppie, in cerchio attorno ad un tavolo.

Prendendo spunto dalle imminenti mestruazioni si vuole dare un senso positivo alla femminilità, alla maternità, alla fertilità.

Tutte le animatrici dei corsi Mamma&Figlia sono insegnanti dei Metodi Naturali per la regolazione della fertilità, sono dunque esperte per quanto riguarda il ciclo mestruale e la fertilità, condividono il valore della vita, dell’amore e dell’accoglienza». Vedi al link

Sono le 13 e 40 minuti. Ci siamo dovute ingollare una sorta di pranzo  per poter partire ed arrivare in tempo. È sabato e alle medie il sabato si va a scuola. Ci aspettano per le 15.00. Siamo ad un terzo del viaggio e lei sta ancora sbuffando. Penso di addolcirla con una sosta strategica all’Autogrill.  Le prendo un libro nuovo.

Comprare un libro per comprare il consenso alla figlia va archiviato nella categoria “cedimenti pedagogici vergognosi” oppure, siccome si trattava di un libro, e di un buon libro, allora va spostato nella categoria “rischio educativo/talenti e inclinazioni da valorizzare”? Manterrei aperta la domanda.

Oppure la lascerei decantare, come diceva quel mio amico consulente quando gli ponevano domande alle quali non era lì per lì in grado di rispondere. Nella mia immaginazione questa cosa del viaggio lei e io sole, la prima delle tre figlie, per andare ad un incontro dedicato proprio alla bellezza della femminilità, al miracolo dello sviluppo e della crescita, avrebbe dovuto ammantarsi subito di un leggero strato di pathos ed essere corredato da una punta di malcelata commozione. Quando distolgo il mio sguardo dalla strada per brevi istanti, invece, incrocio il suo. Tra il guardingo e l’annoiato. Torno a fissare la strada.

Uscite dalle brume autunnali che nascondono i contorni delle rare case della campagna lodigiana ci approssimiamo al centro storico di Santo Stefano, lodigiano a sua volta.

Francesca e Sabrina, che hanno organizzato la serie di incontri mamma-figlia per accompagnare con dolcezza e verità le nostre fanciulle, e noi con loro, nella terra ardua e ricca della vera femminilità, ci accolgono con abbondanti sorrisi e ci presentano alle altre partecipanti.




Leggi anche:
Aiuto, mia figlia ha 13 anni ed è innamorata!

A breve la riunione comincia. Siamo sette mamme, ognuna con la propria figlia (sempre una alla volta perché deve esserci esclusività e intimità. Io ero tentata di puntare alla praticità e di ottimizzare la trasferta portando anche la secondogenita, nata tanto a ridosso della prima da tamponarla, ma giustamente non si può. Serve una dedizione esclusiva).

Francesca, l’educatrice, comincia a parlare. E racconta in un modo bellissimo, delicato e vero come siamo fatte. Che tenerezza vedere quel nido… rappresenta l’utero. E si riempie di morbide stoffe e nastri rossi. Perché il suo scopo è accogliere un bambino; non sempre, non subito (a volte mai. Eppure la maternità è una chiamata per tutte, anche per chi non partorirà). Ma si prepara. Vicino a quello ci sono dei piccoli cestini pieni di ovetti al cioccolato. Sono le ovaie.

È bello, per loro e per noi, pensare al tempo in cui hanno abitato nel nostro utero. Nel racconto diventa anche un hotel a 5 stelle. E le tube il luogo dell’appuntamento. Gli ormoni sono ordini spediti dal comandante, il cervello (noi abbiamo già avuto il piacere di conoscerli, questi simpatici amici. Pianti e tristezze improvvise. Reattività al limite della denuncia penale).

L’ovulazione è il momento magico. Oppure è la protagonista su di un palcoscenico con dei tendaggi rossi ai lati; vengono usati i termini anatomici e fisiologici reali associati però al loro valore, al loro senso; per questo le metafore sono così numerose.

Vengono, purtroppo, anche utilizzati carta, colla, forbici, nastri. I lavoretti non sono mai stati il mio forte eppure ce la caviamo. Anzi, presto il fianco, consenziente, alle innocenti prese in giro di mia figlia. E comunque è vero. Il nostro teatrino è venuto tutto storto!

E si parla di pudore. Esclusiva dell’uomo.

Mi permetto una breve considerazione mia, riportando però il pensiero di un gigante della Chiesa. Nel testo di K. Wojtyla Amore e responsabilità, il futuro S. Giovanni Paolo II parla del pudore come del segnale che indica, a noi e agli altri, che in quanto persone non accettiamo di essere usati. Uno sguardo troppo desideroso, infatti,  che si posa su di noi come possibile oggetto di piacere ci provoca un naturale turbamento.  L’unico comportamento adeguato nei confronti della persona è l’amore. E poi spiegherà che, nell’unione matrimoniale, negli atti sessuali tra coniugi, la vergogna viene come assorbita dall’amore. Che meraviglia. Quanto è ricco, complesso, meraviglioso l’essere umano. Quanta bellezza inesplorata c’è nella differenza uomo-donna!

Gli occhi timidi e così profondi della mia bambina- che bambina non è più del tutto, si accendono. E con il suo audace pudore, appunto, con quel piglio da guerriera che custodisce la sua stessa fragilità, osserva, capisce, si scopre più importante.

  • 1
  • 2
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
femminilitàmetodi naturali
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Camille Dalmas
Il montaggio dietro alla discussa frase del p...
Mirko Testa
Quali lingue parlava Gesù?
PRAYER
Philip Kosloski
Resistete alla “tristezza del diavolo” con qu...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
CARLO ACUTIS, CIAŁO
Gelsomino Del Guercio
Preghiera a Carlo Acutis con richiesta di una...
Catholic Link
7 armi spirituali che ci offrono i santi per ...
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni