Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
lunedì 19 Aprile |
San Leone IX
home iconArte e Viaggi
line break icon

La bellezza e la cultura nascoste nel cimitero del Verano di Roma

Ma. Paola Daud

Maria Paola Daud - Aleteia - pubblicato il 06/04/17

Passeggiare in un cimitero è tetro? Assolutamente no, è educativo

Passeggiare nei cimiteri può essere molto educativo, ancor più se ci si trova a Roma. Se ne possono visitare vari, ma il Cimitero Monumentale del Verano è quello che presenta senz’altro la maggior ricchezza a livello di arte, cultura e storia.

Si chiama “Verano” perché venne costruito sull’antico campo dei Verani, gens senatoria (senatori) dei tempi della Repubblica romana.

Ha ormai più di venti secoli ed è sempre stato un luogo di sepoltura. Vi si trovano le catacombe di Santa Ciriaca, ed è lì che è stato sepolto San Lorenzo, sulla cui tomba vennero poi costruiti la basilica e il monastero.

L’area è di 81 ettari, e quindi è molto facile perdersi. C’è anche un servizio di trasporto urbano che percorre le varie zone del cimitero per permettere di arrivare da una parte all’altra. È impossibile percorrerlo a piedi in un unico giorno, e per questo il Comune di Roma ha ideato vari itinerari per facilitare le visite.

I percorsi sono undici. Scegliete quello che suscita maggiormente il vostro interesse:

Monumenti del Verano, un museo all’aperto

La città del Verano, tre generazioni di architetti e urbanisti

Arti decorative e applicate, la nascita della modernità nella cultura romana

La memoria di chi ha fatto l’Italia

Novecento, la passione di donne e uomini del secolo breve

La cultura dei letterati, poesia, narrativa e critica

Storie al femminile tra Ottocento e Novecento

Volti e memorie di Roma

Roma, le storie del cinema e dello spettacolo

Il teatro italiano dal palco al piccolo schermo, lirica, prosa, varietà, televisione

Roma e la Grande Guerra, la I Guerra Mondiale tra protagonisti e gente comune

Quandi ho visitato il cimitero, in realtà, non sapevo che fosse così organizzato. Ci sono andata per curiosità, perché sapevo che oltre ad essere un luogo sacro era un bene culturale di Roma, e anche perché cercavo la tomba dell’“indio santo”, il beato Zeffirino Namuncurá (anche se i suoi resti sono stati riportati in Argentina c’è ancora il monumento, come c’è quello a Maria Montessori).




Leggi anche:
L’importanza di visitare un cimitero con i propri bambini

A colpirmi di più, oltre alla bellezza di tanti monumenti, è stata la parte dedicata ai neonati o ai bambini ancora non nati. I genitori e i familiari li ricordano portando fiori e giochi e ornano la tomba per il compleanno con palloncini e biglietti. È la zona più colorata del cimitero.

In un’altra zona si trovano i caduti delle guerre, soprattutto della II Guerra Mondiale. In vita queste persone erano in conflitto per ideologie politiche o convinzioni, e ora si trovano unite sotto la stessa terra. Una riflessione che porta a capire l’inutilità delle guerre.

Quella al Verano è stata una visita nella quale ho imparato moltissimo, e tornerò sicuramente per seguire alcuni itinerari, senza dimenticare di portare dei fiori per la prima tomba che incontrerò, come fa papa Francesco ogni 2 novembre. Non ho familiari in quel cimitero, ma ci sono sempre anime che hanno bisogno di preghiere.

[Traduzione dallo spagnolo a cura di Roberta Sciamplicotti]

Tags:
animaartecimiteroculturafedemortereligioneroma
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Gelsomino Del Guercio
Scoperti nuovi frammenti della Bibbia: ma al posto di Dio c’è scr...
2
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
3
Don Davide conduce la nuova edizione de "I Viaggi del cuore"
Gelsomino Del Guercio
Don Davide Banzato: la fuga dal seminario, l’amore per un&#...
4
SERGIO DE SIMONE
Gelsomino Del Guercio
L’agonia di Sergio, il bambino napoletano che fu sottoposto...
5
Paola Belletti
È cieco chi vede in Isabella solo la sindrome di Down
6
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
7
Gelsomino Del Guercio
7 santuari uniti da una linea retta. La misteriosa fede per San M...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni