Ricevi Aleteia tutti i giorni
Le notizie che non leggi altrove le trovi qui: inscriviti alla newsletter di Aleteia!
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

La bellezza e la cultura nascoste nel cimitero del Verano di Roma

Ma. Paola Daud
Condividi

Passeggiare in un cimitero è tetro? Assolutamente no, è educativo

Clicca qui per aprire la galleria fotografica

Clicca qui per aprire la galleria fotografica

Passeggiare nei cimiteri può essere molto educativo, ancor più se ci si trova a Roma. Se ne possono visitare vari, ma il Cimitero Monumentale del Verano è quello che presenta senz’altro la maggior ricchezza a livello di arte, cultura e storia.

Si chiama “Verano” perché venne costruito sull’antico campo dei Verani, gens senatoria (senatori) dei tempi della Repubblica romana.

Ha ormai più di venti secoli ed è sempre stato un luogo di sepoltura. Vi si trovano le catacombe di Santa Ciriaca, ed è lì che è stato sepolto San Lorenzo, sulla cui tomba vennero poi costruiti la basilica e il monastero.

L’area è di 81 ettari, e quindi è molto facile perdersi. C’è anche un servizio di trasporto urbano che percorre le varie zone del cimitero per permettere di arrivare da una parte all’altra. È impossibile percorrerlo a piedi in un unico giorno, e per questo il Comune di Roma ha ideato vari itinerari per facilitare le visite.

I percorsi sono undici. Scegliete quello che suscita maggiormente il vostro interesse:

Monumenti del Verano, un museo all’aperto

La città del Verano, tre generazioni di architetti e urbanisti

Arti decorative e applicate, la nascita della modernità nella cultura romana

La memoria di chi ha fatto l’Italia

Novecento, la passione di donne e uomini del secolo breve

La cultura dei letterati, poesia, narrativa e critica

Storie al femminile tra Ottocento e Novecento

Volti e memorie di Roma

Roma, le storie del cinema e dello spettacolo

Il teatro italiano dal palco al piccolo schermo, lirica, prosa, varietà, televisione

Roma e la Grande Guerra, la I Guerra Mondiale tra protagonisti e gente comune

Quandi ho visitato il cimitero, in realtà, non sapevo che fosse così organizzato. Ci sono andata per curiosità, perché sapevo che oltre ad essere un luogo sacro era un bene culturale di Roma, e anche perché cercavo la tomba dell’“indio santo”, il beato Zeffirino Namuncurá (anche se i suoi resti sono stati riportati in Argentina c’è ancora il monumento, come c’è quello a Maria Montessori).

A colpirmi di più, oltre alla bellezza di tanti monumenti, è stata la parte dedicata ai neonati o ai bambini ancora non nati. I genitori e i familiari li ricordano portando fiori e giochi e ornano la tomba per il compleanno con palloncini e biglietti. È la zona più colorata del cimitero.

In un’altra zona si trovano i caduti delle guerre, soprattutto della II Guerra Mondiale. In vita queste persone erano in conflitto per ideologie politiche o convinzioni, e ora si trovano unite sotto la stessa terra. Una riflessione che porta a capire l’inutilità delle guerre.

Quella al Verano è stata una visita nella quale ho imparato moltissimo, e tornerò sicuramente per seguire alcuni itinerari, senza dimenticare di portare dei fiori per la prima tomba che incontrerò, come fa papa Francesco ogni 2 novembre. Non ho familiari in quel cimitero, ma ci sono sempre anime che hanno bisogno di preghiere.

[Traduzione dallo spagnolo a cura di Roberta Sciamplicotti]

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni