Aleteia logoAleteia logoAleteia
venerdì 02 Dicembre |
Santa Blanca de Castilla
Aleteia logo
Storie
separateurCreated with Sketch.

La storia di Buscapé, il fotografo nato nella favela

web3-buscape-ciudad-de-dios-miramax

Miramax

Maria Paola Daud - Aleteia - pubblicato il 03/04/17

Ha detto addio al degrado per potersi esprimere attraverso ciò che amava

Nel 2002 il famoso film City of God, un’opera piuttosto cruda perché basata su una storia vera scritta da Paulo Lins e diretta da Fernando Meirelles, racconta la vita quotidiana in una delle 763 favelas brasiliane, dove il traffico di cocaina, gli omicidi, la delinquenza giovanile, la corruzione della polizia minorile e le guerre tra clan sono all’ordine del giorno (molti dei clan sono formati da bambini).

La stragrande maggioranza dei personaggi del film erano proprio delle favelas, questa era una delle condizioni poste da uno dei leader della favela per filmare nella zona, e questo contribuisce anche a dare maggiore credibilità alla storia.




Leggi anche:
Padre Pepe: “La mia vita nelle favelas di Buenos Aires contro i narcos”

Il film è narrato da Buscapé, un giovane che, nonostante sia destinato alla vita violenta delle favelas, grazie alla sua maturità e il suo amore per la fotografia riesce a stare lontano da quella vita.

Buscapé è un personaggio di fantasia o realtà?

Buscapé è un personaggio ispirato alla figura di Wilson Rodrigues, fotoreporter di un importante giornale di Rio de Janeiro.

Aveva iniziato lavorando come ragazzo delle consegne nello stesso giornale. Per coincidenza si è trovato immortalare con una serie di fotografie uno scontro tra clan rivali nella lotta per mantenere il potere nella zona, che aveva portato a migliaia di morti. La pubblicazione in diversi giornali di questo servizio fotografico gli ha cambiato la vita per sempre, permettendogli lontano dalla vita pericolosa delle favelas e diventando un evento di fotogiornalista.

La storia di Wilson Rodrigues può essere un esempio per molti giovani che vivono nelle favelas sognando un mondo migliore, permettendo loro di abbandonare l’insicurezza e la sofferenza e di credere in se stessi e in ciò che potrebbero essere in grado di fare, anche con pochi mezzi.

Wilson, da solo, con una macchina fotografica ha potuto vincere la propria lotta, abbandonando il degrado e potendosi esprimersi in ciò che amava di più: la fotografia.

[Traduzione dallo spagnolo a cura di Valerio Evangelista]

Tags:
brasilefavelasfilmfotografiapovertàtestimonianze di vita e di fede
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni