Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 08 Maggio |
Santa Maddalena di Canossa
home iconChiesa
line break icon

Un uomo con figli può essere ordinato sacerdote?

© Anneka / Shutterstock

Padre Henry Vargas Holguín - pubblicato il 02/04/17

Le 12 condizioni per essere sacerdote cattolico

Sì, a patto che osservi due condizioni: sia single o vedovo e non abbia alcuna responsabilità economica nei confronti dei figli, ovvero i figli devono essere in grado di provvedere autonomamente al loro sostentamento e/o non dipendere da lui in alcun senso.

Quando si parla di essere single, si suppone che l’uomo non abbia alcun vincolo sponsale né civile né canonico con una donna, perché una delle condizioni è che la persona sia celibe.

Se l’uomo rispetta queste condizioni minime può proporsi al vescovo per – eventualmente – iniziare l’iter formativo dopo aver consultato il rettore del seminario e il gruppo dei formatori.




Leggi anche:
Papa Francesco ha autorizzato i preti sposati orientali in Occidente

Nel caso in cui venga accettato, è possibile che alla fine venga chiamato (riceva la vocazione) al sacramento dell’ordine sacerdotale, nel grado del diaconato (permanente) o in quello del presbiterato.

All’interno della Chiesa cattolica ci sono sacerdoti attivi con figli, come nel caso dei sacerdoti anglicani che si sono inseriti nella Chiesa cattolica, e vari, per non dire tutti, sono anche sposati.




Leggi anche:
Padre di famiglia e sacerdote cattolico, com’è possibile?

Di conseguenza, la condizione sponsale e paterna di questi sacerdoti non è stata ritenuta un impedimento per esercitare il ministero, ma dopo essere stati ordinati “di nuovo” nella Chiesa cattolica, perché gli anglicani hanno perso la successione apostolica, per cui i vescovi e i sacerdoti non sono stati ordinati in modo valido né lecito.

Questo caso è eccezionale, perché all’interno della Chiesa cattolica un uomo sposato per la Chiesa o civilmente, con o senza figli, non potrà formarsi per diventare sacerdote (Canone 1.042). Almeno finché sarà in vigore il matrimonio canonico (finché la morte non separi gli sposi o per dispensa in caso di matrimonio rato e non consumato cfr. Canone 1.142), non si potrà servire Dio come sacerdote.




Leggi anche:
7 caratteristiche che non possono mancare in un uomo chiamato al sacerdozio

Per servire Dio non esiste solo la vocazione sacerdotale; si può servire anche come sposi, come padri di famiglia, esercitando il sacerdozio comune dei fedeli.

Un uomo sposato può servire Dio e la sua Chiesa con dedizione e senza cercare di essere sacerdote, frate o monaco, e potrebbe farlo anche meglio. Questo servizio a Dio è valido, necessario e completo quanto qualsiasi altro, perché si presterà un buon servizio apostolico non solo come buon marito e padre di famiglia, ma anche come professionista o lavoratore di qualsiasi tipo.




Leggi anche:
Vivere il sacerdozio battesimale

Si riceverà la vocazione ministero sacerdotale se si rispettano, fondamentalmente, queste condizioni:

Secondo il Canone 1.024:

1.- Essere battezzati.
2.- Essere maschi.

Secondo il Canone 1.029:

3.- Avere una fede integra.
4.- Avere retta intenzione.
5.- Possedere la scienza debita (studi ecclesiastici).
6.- Godere di buona stima e di costumi irreprensibili.
7.- Avere provate virtù.
8.- Avere qualità fisiche e psichiche congruenti con l’ordine da ricevere.

Altre condizioni:

9.- Condurre una vita idonea alla propria missione.
10.- Essere capaci di vivere il celibato.
11.- Essere incardinati in una diocesi o in un istituto religioso di diritto pontificio o una prelatura. In una diocesi ci si incardina con l’ordinazione diaconale, in un istituto religioso con i voti solenni.
12.- Soprattutto, volersi e potersi donare a tempo pieno al servizio nei confronti di Dio e della Chiesa.

Tutti i requisiti precedenti rispondono sia a condizioni di ordine disciplinare che a esigenze inerenti al sacramento dell’ordine in quanto tale.

[Traduzione dallo spagnolo a cura di Roberta Sciamplicotti]

Tags:
celibato sacerdotalediritto canonicoordinazione sacerdotale
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
2
TAMING TRIPLETS
Annalisa Teggi
Resta incinta mentre era già incinta: sono nate 3 bimbe e stanno ...
3
Annalisa Teggi
Intrappolata in un macchinario tessile: muore Luana, mamma di 22 ...
4
Gelsomino Del Guercio
Gesù e la lettura del Vangelo. Così Celentano “converteR...
5
Web católico de Javier
Aneddoti che raccontano l’umorismo di Padre Pio
6
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
7
PRAY
Philip Kosloski
Come sapere se la vostra anima ha subìto un attacco spirituale?
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni