Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

“Mi parlava di Gesù ed io piangevo”. L’incredibile telefonata tra Papa Francesco e Adele Agogini

Condividi

La donna doveva accoglierlo a casa durante la visita a Milano. Ma qualche giorno prima è stata costretta al ricovero in ospedale

Adele Agogini ha 81 anni. È oramai cieca e molto malata. La visita del Papa a casa sua, al terzo piano del civico 32 delle Case Bianche di Milano dove abitano 400 famiglie, sarebbe stato un dono. Ma Adele una settimana fa è finita in ospedale per una brutta bronchite. Papa Francesco non è un Papa come tutti gli altri. Durante la visita del 25 marzo a Milano è andato direttamente a casa sua.

A Nuccio Oneto, suo marito, ha chiesto il telefonino di Adele e l’ha chiamata. «Mia moglie non ci credeva. Non voleva crederci che Papa Francesco era dall’altro capo del telefono», racconta lui (La Stampa, 26 marzo)

L’ALLEGRIA DI FRANCESCO

«Signora Adele – ha detto il Papa parlando al telefono nel video pubblicato da Tv2000 (26 marzo) – buongiorno, come si sente ? Bisogna offrire gli acciacchi e i dolori al Signore. Un abbraccio».

IL TUMORE DI NUCCIO

Adele e Nuccio sono una coppia cattolica, che partecipa ogni giorno alla Messa attraverso la televisione e spesso riceve la comunione. Adele, come detto, è quasi completamente cieca e Nuccio soffre dal 2006 di un tumore alla gola parzialmente ridotto con la radioterapia. Ma ha grossi problemi nei polmoni e ci sono timori di metastasi. Erano felici di prepararsi ad accogliere il Papa con la loro fede semplice e profonda (Zenit.org, 26 marzo).

“MI PARLAVA DI GESU’…”

Ad Avvenire (29 marzo) la donna confessa le emozioni incredibile provate al momento di quella telefonata: «È stata una felicità enorme. Mi sentivo battere il cuore forte, tanto che i medici mi dicevano. “Si calmi signora Agogini, si calmi!”… Una parola! Come fai? Ho riconosciuto subito la voce di papa Francesco, mi parlava della malattia, mi parlava di Gesù, e io piangevo, avevo tutta una rivoluzione dentro… Poi mi ha detto: “le do la benedizione”. Ma io continuavo a piangere, perché non me l’aspettavo…».

“UNA RIVOLUZIONE DENTRO”

«Non era una cosa programmata – sottolinea Adele – l’ho saputo sabato mattina [25 marzo, ndr] da mia figlia. Quando è venuta da me, in ospedale, le ho chiesto: “Come sta il papà?”. E lei: “Bene, anzi meglio di te, perché viene il Papa”. “Lo so che viene il Papa”, le ho detto. “Sì, ma in casa tua!”. E ho cominciato a sentirmi tutta una rivoluzione dentro… Mia figlia mi ha lasciato il telefonino, e per fortuna che le infermiere mi hanno aiutata a farlo funzionare. La voce del Papa l’ho riconosciuta subito, noi seguiamo sempre l’udienza del mercoledì e le sue celebrazioni».

“SONO UN PO’ PAZZERELLA”

Prosegue Adele: «Le infermiere hanno capito che sarebbe venuto a trovarmi in ospedale, hanno fatto festa e si sono messe a mettere tutto in ordine! Desideravo proprio incontrarlo, gli anni passano, per lui e per noi… Che gioia! Ma sa che le dico? Io in casa non sono mai sola – sussurra Adele, sorridente e serena – Sento sempre la presenza del Signore. Che mi aiuta e protegge, prima che combini qualche guaio, perché sono un po’ pazzerella…».

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.