Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 06 Maggio |
San Nunzio Sulprizio
home iconSpiritualità
line break icon

Hai deciso di cambiare? Ti spieghiamo da dove cominciare

Shutterstock-Anna Shagoika

padre Carlos Padilla - pubblicato il 30/03/17

Se non ti piace una vita statica, rigida, protetta...

Dio mi dà molte opportunità per poter cambiare, ma a me non piace cambiare.

In Terra Santa, al Santo Sepolcro, è in vigore il cosiddetto Status quo. Per molti anni, ci sono state molte tensioni tra cattolici, ortodossi e greci circa la proprietà e l’uso dei luoghi santi. Si è arrivati allora a un accordo, firmato l’8 febbraio 1852 e noto appunto con il nome di Status quo.

Lo Status quo, soprattutto al Santo Sepolcro, stabilisce la proprietà dei Luoghi Santi e degli spazi all’interno del santuario, e anche orari, percorsi e modi di visita, per cui non si può cambiare assolutamente nulla. Questa immobilità colpisce.

A volte nella mia vita sembra che io abbia firmato il mio status quo. Diceva Jean Vanier: “Volete rimanere nello status quo della vostra vita? O volete cambiare? Sapete perché hanno ucciso Gesù? Perché esortava al cambiamento. E a nessuno piace cambiare. Vogliamo rimanere nel nostro comfort. Chi vuole cambiare? I poveri. Perché non possono accettare la loro situazione attuale. Chi ha un certo comfort ha paura di andare oltre, perché non sa dove arriverà”.

Il cambiamento mi fa paura. Ho paura di perdere. Lascio tutto com’è. Non voglio che cambi nulla. Mi spaventa l’idea di smettere di possedere. Sentirmi bisognoso.

La Quaresima ha molto a che vedere con la mia povertà. Mi costa accettare la mia debolezza. Mi costa staccarmi da tutto ciò che mi lega e mi pesa. Non voglio essere vulnerabile. Preferisco lo status quo in cui niente si tocca e sono io a decidere.

Mi costano queste parole che ascolto dalle labbra di Dio, di Maria, di Gesù: “Sia, ecco la tua serva, sono qui per compiere la tua volontà, apriti”. Mi costa rinunciare ai miei piani e ai miei desideri. Alla mia ricchezza.

Dice Jean Vanier: “È bene ringraziare per le nostre povertà”. Accettare di essere poveri. Sentirsi bisognosi degli altri. Aprirsi a un cambiamento di cui abbiamo bisogno. Ma mi costa cambiare. Rinunciare. Smettere di avere quello che mi dà sicurezza. Accettare la mia vita nella sua fragilità.

Cosa devo cambiare nella mia vita perché Gesù regni nel mio cuore? Non voglio che tutto resti inamovibile. Non mi piace una vita statica, rigida, protetta. Sono disposto a lasciarmi “fare” da Dio. “Sia”, gli dico all’orecchio. Sono disposto a far sì che sia Lui a comandare in me. Mi libero della mia volontà orgogliosa. Del mio animo forte che vuole controllare tutto.

Per questo oggi voglio lasciare tutte le cose che mi pesano. Svuotare le tasche. Tirar fuori dall’anima quello che non mi dà vita. E abbandonare quello che mi lega.

Voglio sapere dov’è veramente il tesoro della mia vita. “Tutti abbiamo dentro un tesoro, ma per ottenerlo bisogna abbandonare il trambusto della mente e le necessità dell’ego ed entrare nel silenzio del cuore[1].

Dove ho messo il mio vero guadagno? Voglio sapere cos’è che mi rallegra davvero, e cosa mi intristisce. Cosa importa veramente. Dove ripongo ogni giorno la mia fiducia? In cosa ho davvero fede? Chi amo con tutta l’anima?

[1] Elizabeth Gilbert, Mangia, prega, ama

[Traduzione dallo spagnolo a cura di Roberta Sciamplicotti]

Tags:
quaresima
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Catholic Link
Non mi piaceva Santa Teresa di Lisieux finché non ho imparato que...
2
Best of Web
Muore per 20 minuti, si sveglia all’improvviso e racconta d...
3
Gelsomino Del Guercio
Mese mariano: ogni sera una preghiera alla Madonna con Papa Franc...
4
Web católico de Javier
Aneddoti che raccontano l’umorismo di Padre Pio
5
Gaudium Press
Sapevi che la fede nuziale può avere la forza di un esorcismo?
6
MEDJUGORJE
Gelsomino Del Guercio
Per la prima volta Medjugorje entra in un’iniziativa di pre...
7
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni