Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 29 Luglio |
Santa Marta di Betania
home iconArte e Viaggi
line break icon

Ma il Cammino di Santiago non è la panacea dei mali moderni…

© Gena Melendrez / Shutterstock

Lucandrea Massaro - pubblicato il 30/03/17

Parla don Fabio Pallotta, superiore della missione dei Guanelliani

I guanelliani di Don Fabio sono presenti nelle ultime due tappe del lungo Cammino che attraversa il nord della Spagna da secoli e che – anticamente – aveva la sua origine nell’abbazia francese di Cluny. Sono almeno 300 mila ogni anno, in maggioranza spagnoli e italiani, che affrontano tutto o parte di un percorso fisico di circa 800 Km e per i quali sono normalmente necessari almeno una trentina di giorni.

Don Fabio e gli altri sacerdoti guanelliani si adoperano per assistere e seguire, anche fisicamente, i molteplici pellegrini che arrivano, dando consiglio, aiuto, ascoltando la confessione, o anche solo scambiando delle chiacchiere. Non mancano gli atei attratti dalla suggestione del cammino e dalla lettura di Paulo Coelho. La Stampa lo ha intervistato:

Chi è il pellegrino tipico? «Non esiste. Dal sacerdote al religioso all’ateo conclamato. Però li accomuna la voglia di fare un’esperienza diversa, e tutti credono di venire qui a risolvere il dramma della propria vita». E questo non avviene? «No. Il cammino non risolve nulla. Semmai si torna a casa con un problema in più: avere conosciuto se stessi, che non è sempre glorificante». Quindi è sopravvalutato? «Lo si carica di troppe aspettative considerandolo una panacea che può risolvere le burrasche della vita. C’è chi è senza moglie e la cerca, chi ce l’ha e se ne vuole liberare, chi ce l’aveva e la piange perché se n’è andata, chi non va d’accordo con i figli e non li vuole più, chi ha abortito e chi non li può avere. Poi c’è chi ha avuto una condotta terribile nel passato; chi ha una vita mediocre e ne cerca una migliore. Chi è depresso. Chi non ha lavoro». Ma allora a che cosa serve il Cammino? «Il bene che produce deriva dall’incontro con la tomba dell’Apostolo Giacomo. E su questo aspetto cruciale c’è un paradosso pazzesco. Più del 95% viene qui senza sapere che c’è la tomba di San Giacomo, che è l’unico motivo per cui si compie il Cammino».

CONTINUA A LEGGERE SUL SITO

Tags:
cammino di santiago
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
JENNIFER CHRISTIE
Jeff Christie
Mia moglie è rimasta incinta del suo stupratore – e io ho accolto...
2
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
3
SINDONE 3D
Lucandrea Massaro
L’Uomo della Sindone ricostruito in 3D. I Vangeli raccontan...
4
BENEDYKT XVI O KAPŁAŃSTWIE
Gelsomino Del Guercio
Nella Chiesa “separare i fedeli dagli infedeli”. La stoccata di B...
5
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
6
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
7
SERGIO DE SIMONE
Gelsomino Del Guercio
L’agonia di Sergio, il bambino napoletano che fu sottoposto...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni