Ricevi Aleteia tutti i giorni
Le notizie che non leggi altrove le trovi qui: inscriviti alla newsletter di Aleteia!
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Papa Francesco: «Proteggere i civili di Mosul, preservare il mosaico dell’Iraq»

Condividi

Il pontefice dedica la catechesi dell’udienza generale alla «speranza contro ogni speranza».

Il Papa ha fatto appello per le «popolazioni civili intrappolate nei quartieri occidentali di Mosul», a conclusione dell’udienza generale in piazza San Pietro, e per gli sfollati della guerra, incoraggiando la «cara nazione irachena» a conservare la «ricchezza» rappresentata dal «mosaico» delle diverse componenti etniche e religiose. Durante la catechesi, Francesco ha detto che «aprire il cuore» alla fede è l’unico «prezzo» che bisogna pagare affinché Dio faccia cose «miracolose» e insegni all’uomo cosa sia la «speranza contro ogni speranza».

Prima dell’udienza il Pontefice argentino ha ricevuto nell’auletta dell’aula Paolo VI i partecipanti ad una riunione del comitato permanente per il dialogo tra il Pontificio Consiglio per il Dialogo interreligioso del cardinale Jean-Louis Tauran e le «sovrintendenze» irachene sciita, sunnita e quella per cristiani, yazidi e sabei/mandei. «La ricchezza della cara nazione irachena – ha poi detto Francesco a conclusione dell’udienza – sta proprio in questo mosaico che rappresenta l’unità nella diversità, la forza nell’unione, la prosperità nell’armonia. Cari fratelli, vi incoraggio ad andare avanti su questa strada e invito a pregare affinché l’Iraq trovi nella riconciliazione e nell’armonia tra le sue diverse componenti etniche e religiose, la pace, l’unità e la prosperità. Il mio pensiero va alle popolazioni civili intrappolate nei quartieri occidentali di Mosul e agli sfollati per causa della guerra, ai quali mi sento unito nella sofferenza, attraverso la preghiera e la vicinanza spirituale. Nell’esprimere profondo dolore per le vittime del sanguinoso conflitto, rinnovo a tutti l’appello ad impegnarsi con tutte le forze nella protezione dei civili, quale obbligo imperativo ed urgente».

Nel corso della catechesi il Papa, proseguendo un ciclo sulla speranza cristiana, si è soffermato sul concetto della «speranza contro ogni speranza» di cui scrive San Paolo nella lettera ai Romani. «Siamo abituati a riconoscere in Abramo il nostro padre nella fede; oggi l’Apostolo ci fa comprendere che Abramo è per noi anche padre nella speranza, non solo padre nella fede ma padre nella speranza, e questo perché nella sua vicenda possiamo già cogliere un annuncio della risurrezione, della vita nuova che vince il male e la stessa morte», ha detto Francesco.

«La nostra speranza non si regge su ragionamenti, previsioni e rassicurazioni umane, e si manifesta là dove non c’è più speranza, dove non c’è più niente in cui sperare, proprio come avvenne per Abramo, di fronte alla sua morte imminente e alla sterilità della moglie Sara», ha proseguito il Papa. «Era la fine per loro, non potevano avere figli e là in quella situazione Abramo credette e ha avuto speranza contro ogni speranza: e questo è grande. La grande speranza si radica nella fede, e proprio per questo è capace di andare oltre ogni speranza. Sì, perché non si fonda sulla nostra parola, ma sulla Parola di Dio».

A braccio il Papa ha proseguito: «Mi piacerebbe farvi una domanda: noi, tutti noi siamo convinti di questo, che Dio ci vuole bene e che tutto quello che ci ha promesso è disposto a portarlo a compimento. Ma padre – ha proseguito Jorge Mario Bergoglio immaginando un colloquio con un fedele – quanto dobbiamo pagare per questo? C’è un prezzo: aprire il cuore, aprite i vostri cuori e questa forza di Dio farà cose miracolose e vi insegnerà cosa sia la speranza. Questo è l’unico prezzo, aprire il cuore alla fede e lui farà il resto. Ecco, questo è il paradosso e nel contempo l’elemento più forte, più alto della nostra speranza! Una speranza fondata su una promessa che dal punto di vista umano sembra incerta e imprevedibile, ma che non viene meno neppure di fronte alla morte, quando a promettere è il Dio della Risurrezione e della vita. Questo non lo promette uno qualunque, no, il Dio della risurrezione e della vita».

Il Papa ha concluso, rivolto ai fedeli presenti in piazza San Pietro: «Noi tutti crediamo, siamo tutti in piazza, lodiamo il Signore, riceveremo la benedizione… ma questo passa: se noi oggi abbiamo il cuore aperto vi assicuro che tutti noi ci incontreremo nella piazza del cielo, che non passa mai, questa è la promessa di Dio e la speranza contro ogni speranza».

 

QUI L’ARTICOLO ORIGINALE

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni