Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Ibuprofene o paracetamolo, questo è il dilemma

Condividi

Gli analgesici hanno cambiato e migliorato la nostra vita, ma a volte non sappiamo quale dobbiamo prendere

Gli analgesici hanno cambiato e migliorato la nostra vita. Li prendiamo di fronte a qualsiasi mal di testa, dolore muscolare, mestruale, alle orecchie, alle ossa, influenza, raffreddore, febbre… Sono davvero utili, tanto che riempiono i nostri armadietti dei medicinali e li assumiamo alla prima sensazione di malessere o stanchezza senza sapere a cosa serve ciascuno, quali rischi comporta e in che quantità bisogna assumerlo.

La cosa migliore è lasciarsi sempre consigliare da un professionista, ma spesso il problema di salute è minimo, apriamo l’armadietto dei medicinali e ci troviamo di fronte al dilemma: “Quale prendere?”

L’ibuprofene

Si tratta di un antinfiammatorio non steroideo e ha tre effetti: analgesico (contro il dolore), antipiretico (contro la febbre) e antinfiammatorio (diminuisce il dolore).

Serve per i dolori accompagnati da infiammazione:
• Artrite
• Lesioni muscolari
• Mal di denti
• Angine
• Dolori mestruali
• Febbre (se il paracetamolo non è sufficiente)


LEGGI ANCHE: Soffri di depressione? Forse ti mancano questi 10 nutrienti


Non serve per:
• Prevenire il dolore
• Conseguenze delle infreddature (congestione nasale)
• Malessere generale
• Mal di testa
• Mal di schiena e di collo collegati a ernie e schiacciamenti, anche se aiuta a eliminare l’infiammazione muscolare che circonda la lesione
• Influenza, perché riduce il livello di piastrine nel sangue
• Per questo motivo non è consigliato neanche nel caso di grandi ferite o emorragie
• È poco efficace contro i postumi della sbornia, anche se è sempre più consigliabile del paracetamolo

Rischi:
• Può danneggiare la barriera protettiva dello stomaco
• Puo avere conseguenze sul sistema cardiovascolare
• Si sconsiglia in pazienti affetti da ulcera gastrica, insufficienza renale o epatica grave o se si stanno assumendo farmaci contro l’ipertensione

La dose dev’essere indicata dal medico, ma in linea generale non dovrebbe superare i 400 mg ogni otto ore negli adulti. Superare una dose di 1.200 mg quotidiani può aumentare il rischio cardiovascolare. Agisce 30 minuti dopo l’assunzione e il suo effetto può durare fino a sei ore.

In caso di malattie croniche che richiedano un uso continuativo, è il medico che deve stabilire le dosi. In caso di gravidanza è necessario consultare il medico. In alcuni casi è raccomandabile assumerlo insieme a un gastroprotettore.

Il paracetamolo

Il paracetamolo agisce come analgesico e antipiretico. Non è antinfiammatorio e a basse dosi ha meno effetti secondari sullo stomaco rispetto all’ibuprofene.


LEGGI ANCHE: Farmaci antidepressivi: attenti a non abusarne! La vostra salute è a rischio


Serve per:
• Abbassare la febbre
• Dolore senza infiammazione
• Mal di testa
• Influenza
• Dolore provocato da una scottatura

Non serve per:
• I postumi della sbornia, perché potenzia gli effetti tossici dell’alcool a livello sia epatico che renale
• Dolori muscolari
• Mal di denti
• È meno efficace contro i dolori mestruali

Rischi:
• A dosi elevate, il paracetamolo è dannoso per il fegato, e non è consigliato alle persone affette da insufficienza epatica

Anche nel caso del paracetamolo la dose dovrebbe essere indicata da un medico, ma non dovrebbe superare i 500 o 650 mg ogni otto ore per gli adulti. È importante non superare i 3 grammi al giorno. Una dose superiore potrebbe provocare intossicazione per danno epatico, soprattutto in persone che consumano abitualmente alcool.

Una dose di 10 g comporta un rischio letale. Il paracetamolo impiega tra i 45
e i 60 minuti ad avere effetto e agisce per quattro ore.

In ogni caso, la nostra raccomandazione è evitare l’automedicazione. Se il dolore o il malessere è troppo irrilevante per andare dal medico, la cosa più raccomandabile è consultare almeno il farmacista.


LEGGI ANCHE: Gesù medico a tutto tondo, del corpo e dell’anima


[Traduzione dallo spagnolo a cura di Roberta Sciamplicotti]

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.