Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
lunedì 20 Settembre |
Santi Andrea Kim, Paolo Ghong e 101 compagni
home iconNews
line break icon

Una giovane mamma “rischia”: colloquio di lavoro con il figlio in braccio. Assunta!

shutterstock

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 29/03/17 - aggiornato il 29/03/17

Una giovane donna della provincia di Venezia temeva di essere scartata perchè era neo-mamma

Se nel mondo del lavoro c’è ancora una forte discriminazione contro le donne che decidono di fare figli, ci sono pure storie che dimostrano il contrario, che dimostrano che – con figlio o meno – le donne sono comunque una grande risorsa (L’Huffington Post, 28 marzo).

“VOLEVO CHE SAPESSERO DEL BAMBINO”

Come riporta Il Gazzettino (27 marzo), ad esempio, una donna di Marcon (Venezia) è riuscita ad ottenere un posto di lavoro in una pasticceria pur presentandosi al colloquio con il suo neonato di 3 mesi.

«Mi sono presentata al colloquio con mio figlio in braccio – racconta – perché volevo che sapessero della presenza di un bambino piccolo. Temevo, come più volte purtroppo è successo, che questo potesse rappresentare un ostacolo per l’assunzione, invece il titolare non ha fatto alcuna obiezione sul fatto che io fossi mamma da poco tempo e mi ha detto che appena avrei finito il periodo di maternità mi avrebbe assunto».

LEGGI ANCHE: Così un’azienda premia i dipendenti che decidono di fare un figlio

UN PRECEDENTE AMARO

Eppure la neomamma era scettica sulla buona riuscita del colloquio: «Quando ho letto sul Gazzettino che a quella signora incinta di Treviso i titolari della ditta per la quale lavora hanno detto che per rimanere a casa avrebbe dovuto devolvere l’assegno di maternità all’azienda per coprire le spese necessarie alla sua sostituzione, sono rimasta molto male e mi è venuta voglia di piangere».

SI INIZIA IL 5 APRILE

Ma da ora in poi la giovane mamma potrà solo sorridere. Ad assumerla è stata la pasticceria “Linda” di Marcon, e il 5 aprile, allora, sarà il suo primo di giorno di lavoro. Un giorno davvero speciale non solo per lei, ma anche per tutte le donne che non vogliono rinunciare alla famiglia per il lavoro.

Tags:
lavoromaternità

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
2
BABY
Mathilde De Robien
Nomi maschili che portano impresso il sigillo di Dio
3
SINDONE 3D
Lucandrea Massaro
L’Uomo della Sindone ricostruito in 3D. I Vangeli raccontano la v...
4
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
5
PAURA FOBIA
Cecilia Pigg
La breve preghiera che può cambiare una giornata stressante
6
Gelsomino Del Guercio
La Madonna nera è troppo sfarzosa: il parroco la “spoglia”. Ed è ...
7
Padre Ignacio María Doñoro de los Ríos
Francisco Vêneto
Il cappellano militare che si è finto malvivente per salvare un b...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni