Ricevi Aleteia tutti i giorni
Comincia la tua giornata nel modo migliore: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Romeo e Giulietta 2.0: eccoli nelle culle …400 anni dopo Shakespeare

Condividi

Immortalati in una culla da una fotografa americana. La loro foto ha fatto il giro del web

Lui si chiama Romeo, lei Giulietta e si sono ritrovati vicini di culla nello stesso ospedale, nati con appena 18 ore di differenza l’uno dall’altra.

La romantica coincidenza si è verificata negli Stati Uniti a Bluffton, una città della South Carolina, ed è stata raccontata dalla fotografa Cassie Clayshulte sul suo profilo Facebook (La Repubblica, 23 marzo).

Le foto dei piccoli hanno affascinato migliaia di utenti che immediatamente hanno accostato la loro storia con quella dei più celebri e sfortunati amanti di Shakespere, protagonisti dell’omonima tragedia pubblicata nel 1597.

LEGGI ANCHE: Il parallelismo tra un monologo dell’Amleto di Shakespeare e il salmo 8

Chi non ricorda quel: “Romeo, Romeo! Perché sei tu Romeo? Ah, rinnega tuo padre!… Ricusa il tuo casato!… O, se proprio non vuoi, giurami amore, ed io non sarò più una Capuleti!”.

In quel caso la storia d’amore, come detto, non è andata a lieto fine. L’augurio, ovviamente, è che il destino dei “nuovi” Romeo e Giulietta sia ben più benevolo!

LEGGI ANCHE: Shakespeare, “prima” in Vaticano a 400 anni dalla morte

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni