Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 19 Giugno |
San Gregorio Barbarigo
home iconStile di vita
line break icon

Hai ruoli di responsabilità nella tua azienda? Devi assolutamente leggere questo

PORTRAIT IMAGES ASIA BY NONWARIT

Centro de Estudios Católicos - pubblicato il 23/03/17

La chiave: non c'è bisogno di competere con i tuoi sottoposti

Il concetto di lavoro collaborativo è sempre più importante, in un mondo globalizzato e interconnesso. Il lavoro e il pensiero collaborativo consentono alle organizzazioni di integrarsi in modo efficace e di dare valore ai contributi di ogni membro dell’azienda.

Un’organizzazione che incoraggia il lavoro collaborativo è più propensa ad adattarsi e a rispondere tempestivamente alle sfide che emergono.


Leggi anche:
Gesù, esempio supremo di leadership

In una recente pubblicazione di Dwana Markova e Angie McArthur, sono stati descritti diversi atteggiamenti che distinguono una mente collaborativa:

1) Usa la propria influenza per connettersi con gli altri e non per competere con loro;

2) Dirige servendo;

3) Percepisce le differenze come un’opportunità, piuttosto che come una minaccia;

4) Si pone l’obiettivo cui la vittoria deve riguardare tutta la squadra;

5) Promuove apertamente le possibilità di fare dei cambiamenti, senza incolpare nessuno per eventuali errori;

6) Incoraggia lo scambio di idee per arricchirsi reciprocamente;

7) Dà valore all’interdipendenza dei membri.

Questo fondamentale atteggiamento di apertura e cooperazione dovrebbe essere presente nella cultura aziendale, dovrebbe essere la base di ogni processo formativo e sistema di valutazione. Bisognerebbe premiare i membri non solo per i successi personali, ma anche per il contributo dato nel raggiungimento degli obiettivi comuni.

Una delle competenze principali, che dovrebbe essere incentivata, è la capacità di andare incontro ai bisogni degli altri. Così si porta nel team di lavoro un clima di collaborazione e di integrazione, garantendo il bene comune dell’azienda.

Riuscire ad allineare gli obiettivi tra i vari dipartimenti è una sfida. Talvolta gli apporti di un gruppo vanno in conflitto con gli altri, generando rivalità o sovrapposizione di funzioni, invece di sinergia e complementarità.


Leggi anche:
12 lezioni di leadership da papa Francesco

Il leader deve individuare quelle caratteristiche, dei singoli e del gruppo, che possano essere di beneficio per tutti in aspetti come la visione d’insieme, la capacità di analisi, la creatività, e così via. In questo modo, tutti arricchiranno le dinamiche aziendali secondo il principio della complementarità, proprio come in una sinfonia ogni strumento è necessario e insostituibile.

di Carlos Muñoz Gallardo

QUI IL LINK ALL’ARTICOLO ORIGINALE

[Traduzione dallo spagnolo a cura di Valerio Evangelista]

Tags:
lavoroleadership
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni