Aleteia logoAleteia logoAleteia
domenica 21 Aprile |
Aleteia logo
Stile di vita
separateurCreated with Sketch.

Hai ruoli di responsabilità nella tua azienda? Devi assolutamente leggere questo

boss leader chart paper show pen

PORTRAIT IMAGES ASIA BY NONWARIT

Centro de Estudios Católicos - pubblicato il 23/03/17

La chiave: non c'è bisogno di competere con i tuoi sottoposti

Il concetto di lavoro collaborativo è sempre più importante, in un mondo globalizzato e interconnesso. Il lavoro e il pensiero collaborativo consentono alle organizzazioni di integrarsi in modo efficace e di dare valore ai contributi di ogni membro dell’azienda.

Un’organizzazione che incoraggia il lavoro collaborativo è più propensa ad adattarsi e a rispondere tempestivamente alle sfide che emergono.


Leggi anche:
Gesù, esempio supremo di leadership

In una recente pubblicazione di Dwana Markova e Angie McArthur, sono stati descritti diversi atteggiamenti che distinguono una mente collaborativa:

1) Usa la propria influenza per connettersi con gli altri e non per competere con loro;

2) Dirige servendo;

3) Percepisce le differenze come un’opportunità, piuttosto che come una minaccia;

4) Si pone l’obiettivo cui la vittoria deve riguardare tutta la squadra;

5) Promuove apertamente le possibilità di fare dei cambiamenti, senza incolpare nessuno per eventuali errori;

6) Incoraggia lo scambio di idee per arricchirsi reciprocamente;

7) Dà valore all’interdipendenza dei membri.

Questo fondamentale atteggiamento di apertura e cooperazione dovrebbe essere presente nella cultura aziendale, dovrebbe essere la base di ogni processo formativo e sistema di valutazione. Bisognerebbe premiare i membri non solo per i successi personali, ma anche per il contributo dato nel raggiungimento degli obiettivi comuni.

Una delle competenze principali, che dovrebbe essere incentivata, è la capacità di andare incontro ai bisogni degli altri. Così si porta nel team di lavoro un clima di collaborazione e di integrazione, garantendo il bene comune dell’azienda.

Riuscire ad allineare gli obiettivi tra i vari dipartimenti è una sfida. Talvolta gli apporti di un gruppo vanno in conflitto con gli altri, generando rivalità o sovrapposizione di funzioni, invece di sinergia e complementarità.


Leggi anche:
12 lezioni di leadership da papa Francesco

Il leader deve individuare quelle caratteristiche, dei singoli e del gruppo, che possano essere di beneficio per tutti in aspetti come la visione d’insieme, la capacità di analisi, la creatività, e così via. In questo modo, tutti arricchiranno le dinamiche aziendali secondo il principio della complementarità, proprio come in una sinfonia ogni strumento è necessario e insostituibile.

di Carlos Muñoz Gallardo

QUI IL LINK ALL’ARTICOLO ORIGINALE

[Traduzione dallo spagnolo a cura di Valerio Evangelista]

Tags:
lavoroleadership
Top 10
See More