Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 23 Ottobre |
San Giovanni da Capestrano
Aleteia logo
home iconChiesa
line break icon

Che succede se qualcuno vomita dopo aver ricevuto la Comunione?

© Mazur / catholicnews.org.uk -cc

Padre Henry Vargas Holguín - pubblicato il 16/03/17

Quando un'ostia si dissolve smette di essere Eucaristia

La Chiesa dice che la presenza di Cristo nell’Eucaristia continua “finché sussistono le specie eucaristiche”.

“La presenza eucaristica di Cristo ha inizio al momento della consacrazione e continua finché sussistono le specie eucaristiche” (Catechismo, 1377). Ciò significa che Gesù è presente nelle specie eucaristiche, a condizione che queste mantengano le loro proprietà accidentali di pane e di vino.

Ne consegue che, se per esempio un’ostia consacrata viene messa nell’acqua o viene inghiottita, questa si dissolve. E dissolvendosi, smette di essere Eucaristia.

Lo stesso accade quando, dopo la Comunione, si versa dell’acqua nel calice per “pulirlo” da quel poco di sangue di Cristo rimasto; il vino consacrato smette di essere Eucaristia.

E lo stesso vale per quelle particelle microscopiche o invisibili che cadono dal l’ostia consacrata, sono particelle troppo piccole per essere identificabili come “pane”. Tali particelle smettono di essere Eucaristia, in quanto chiaramente non conservano l’apparenza del pane.


LEGGI ANCHE:La comunione sulla mano, un abuso liturgico? Già nell’antichità si faceva!


Detto ciò, quando qualcuno vomita dopo aver preso la Comunione, non vomita il pane eucaristico, non vomita il Signore; vomita ciò che deve vomitare. Nel vomito non sussistono più le specie eucaristiche. In questo caso non si dovrà fare nulla di speciale; semplicemente bisognerà pulire, azione che ognuno farà come sa o può fare.

[Traduzione dallo spagnolo a cura di Valerio Evangelista]

Tags:
comunioneliturgia
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
CARLO ACUTIS
Gelsomino Del Guercio
Carlo Acutis e quella “rivelazione”: “I miei angeli custodi sono ...
2
MARCELLO BELLETTI
Annalisa Teggi
Un padre, una madre e 7 figli. Non è follia ma sovrabbondanza
3
VENEZUELA
Ramón Antonio Pérez
Quando la vita nasce dall’abuso atroce di una ragazza disabile
4
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
5
SQUID GAME, NETFLIX
Annalisa Teggi
Squid game, il gioco al massacro è un mondo senza misericordia
6
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
7
Paola Belletti
Il tuo bimbo ancora in utero ti ascolta e impara già prima di nas...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni