Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
domenica 01 Novembre |
San Wolfgang di Rägensburg
home iconStorie
line break icon

Azat, mago della tecnologia affetto da paralisi cerebrale: "Lavorare mi fa stare bene"

Aleteia - Valerio Evangelista - pubblicato il 15/03/17

Azat è un ragazzo originario di Taraz, in Kazakistan. Ha una paralisi cerebrale, ma questo non gli impedisce di raggiungere i suoi obiettivi. Innamorato della tecnologia, ha superato brillantemente dei corsi di formazione in “Riparazione di computer” e “Amministrazione aziendale”.

“Se una persona riesce a fare qualcosa, tutti possono farla”, dice Azat ai microfoni di Radio Liberty, intervistato da Akhmetbek Nursila. “Per me non è difficile. Anzi, lavorare mi fa stare bene”. Una passione che lo ha spinto a superare i propri limiti, e adesso vuole addirittura mettersi in proprio.

“Forse le sue mani e le sue gambe non funzionano perfettamente”, dice il padre di Azat, “ma siamo molto grati a Dio perché è molto intelligente”.

Azat ha ricevuto educazione genitoriale e ha conseguito riconoscimenti che hanno equiparato la sua preparazione a quella degli standard nazionali.

La paralisi cerebrale infantile è un disturbo persistente, ma non progressivo della postura e del movimento, dovuto ad alterazioni della funzione cerebrale infantile prima che il sistema nervoso centrale abbia completato il suo sviluppo.

Ci avevano fornito una sedia a rotelle. Quando l’abbiamo portata a casa, l’abbiamo assemblata chiedendo ad Azat di sedersi. Ma lui si è rifiutato”, dice la madre.

“Se mi siedo lì anche solo una volta”, diceva il piccolo Azat, “resterò seduto lì per il resto della mia vita”.

Ha iniziato a camminare a 13 anni e oggi, a 28 anni, continua a farlo. Questo ragazzo, che va anche in bicicletta, prova a superare la sua difficoltà in ogni modo, e sogna di creare una sua fondazione, un giorno, per aiutare chi è nella sua condizione.

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
disabilitàparalisi cerebralestorie
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Annalisa Teggi
"Dite ai miei figli che li amo": ecco chi è l...
Pope Audience
Gelsomino Del Guercio
Corruzione in Vaticano, il Papa: "Non ho paur...
O Planeta que temos
Le 7 marche di cioccolato che sfruttano il la...
COQUI
Esteban Pittaro
L'ultima Messa di un sacerdote prima di esser...
CEMETERY
Gelsomino Del Guercio
Indulgenze plenarie per i defunti: come otten...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
Toscana Oggi
Si può fare la Comunione senza essersi prima ...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni