Ricevi Aleteia tutti i giorni
Iscriviti alla newsletter di Aleteia, il meglio dei nostri articoli gratis ogni giorno
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

La musica celestiale composta da una santa del XII sec.

Condividi

La vita di Santa Ildegarda di Bingen, straordinaria compositrice tedesca

“Il corpo, in verità, è il vestito dell’anima, che ha una viva voce e perciò è giusto che il corpo, attraverso la voce, canti con l’anima lodi a Dio” – Hildegard von Bingen

Ildegarda di Bingen nacque in Assia Renana, nel 1098. Dalla salute fortemente cagionevole, ad otto anni fu messa in convento e tra il 1112 e il 1115 prese i voti.

Sin dalla più tenera età Ildegarda ebbe delle visioni, che definiva “non del cuore o della mente, ma dell’anima” e di cui iniziò a parlare e a scrivere soltanto intorno ai quarant’anni.

wikipedia
wikipedia

Nel 1150 fondò il monastero di Rupertsberg, non più esistente, e nel 1165 un monastero ad Eibingen, ancora oggi florido centro religioso-culturale. Nella chiesa si possono ammirare dei bellissimi affreschi, che ritraggono gli episodi più intensi della vita di Ildegarda.

Grande studiosa, approfondì i testi dell’enciclopedismo medievale di Dionigi l’Areopagita e di Agostino, e si occupò principalmente di teologia, musica e medicina.

Una piuma abbandonata al vento della fiducia di Dio

Proficua scrittrice, di Sant’Ildegarda hanno ottenuto grande notorietà i testi profetici (tra cui lo Sci vias e il Liber Vitae Meritorum), due trattati enciclopedici sulla scienza medica e botanica dell’epoca (Physica e Causae et curae), numerose lettere di ordine spirituale e la sua raccolta musicale Symphonia harmoniae celestium revelationum.

Donna coraggiosa, questa monaca benedettina non ebbe timore di entrare in contrasto con il clero della Chiesa cattolica del tempo, e fu – sia nella musica che in altri campi da lei affrontati – grande innovatrice e sperimentatrice. Pur non avendo alcuna conoscenza musicale, nelle sue composizioni infranse infatti i limiti delle morbide forme stilistiche dei compositori a lei contemporanei, ed è ancora oggi ricordata per la grande estensione vocale riscontrata nei suoi canti, che talora supera addirittura le due ottave.


LEGGI ANCHE: Un libro racconta la storia di Ildegarda di Bingen, monaca benedettina infiammata dallo Spirito


Ildegarda, che si definì “una piuma abbandonata al vento della fiducia di Dio”, di se stessa affermò: “Composi anche canzoni e melodie in lode di Dio e dei Santi, senza che nessuno me lo insegnasse, e le cantavo, anche se nessuno mi aveva insegnato la notazione musicale e il canto“.

E per la santa tedesca è proprio la musica il mezzo per eccellenza di unione tra l’uomo e Dio, ricreando sulla terra l’armonia perduta e consentendo di immaginare l’armonia che verrà alla fine dei tempi.

Ancora oggi, dopo molti secoli, la vita e le opere di questa donna straordinaria sono di grande ispirazione.

Vi proponiamo una parte della sua corposa attività di compositrice. Buon ascolto!

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni