Aleteia

“Sbrigati!”, ovvero di come essere in orario la mattina

Condividi
Commenta

La gestione del tempo tende a portare tensioni tra genitori e figli, ma è possibile invertire questa tendenza

Secondo quanto emerso da uno studio condotto nel gennaio 2017 dalla Kinder (insieme al gruppo di ricerca Ipsos) sul rapporto tra genitori e figli, “Sbrigati!” è una delle 5 frasi più comuni che escono dalla bocca dei genitori. Ma i bambini sono forse più veloci a fare i compiti? Il dott. Daniel Marcelli, psichiatra infantile, spiega che “quanta più pressione mettono gli adulti, tanto più i bambini sono lenti”.

Nelle interazioni tra genitori e figli c’è una tensione palpabile in merito alla gestione del tempo. Il 60% dei genitori pensa che la vita scorra troppo velocemente, non hanno abbastanza tempo nella loro vita quotidiana e si sentono sempre più sopraffatti. Tuttavia, il 96% dei genitori intervistati ha dichiarato che il tempo trascorso in famiglia è il loro preferito. Ma nel corso della giornata, il 47% di quegli stessi genitori si sente stressato – o molto stressato – e il 54% ammette che la mancanza di pazienza è la loro caratteristica più sgradevole. Ed è qualcosa che accade durante tutta la settimana. lo psichiatra infantile Daniel Marcelli spiga che “il tempo è una pressione, c’è un senso di costante fretta durante tutta la settimana”. Come trasformare le mattine prima della scuola in tempo di qualità che allieti il cuore dei genitori e dei figli, nonostante i limiti orari da rispettare?


LEGGI ANCHE: Come avere più tempo: 12 abitudini per essere più produttivi 


Ci sono tre modi testati e approvati.

1. Alzatevi prima dei bambini

Se vogliamo davvero organizzarci in modo da avere mattinate più serene, alziamoci prima dal letto. Se ci prepariamo prima del grande trambusto che è la colazione, possiamo godere del massimo della tranquillità per noi stessi, e quindi essere totalmente disponibili nei confronti dei bambini. Daniel Marcelli insiste sul fatto che “i bambini non hanno bisogno di quantità, ma di qualità. È importante essere fisicamente disponibili. Inoltre, l’85% dei genitori intervistati sente il bisogno di avere più tempo per se stessi”. Astrid, madre di 4 figli, dice: “Ho bisogno di tempo per me, per vestirmi, per truccarmi, per prendere il tè in pace e pregare, prima che si alzino i miei figli. Se non lo faccio, divento un drago!”

2. Preparate il più possibile la sera prima

Il modo migliore per guadagnare tempo ed evitare lo stress è sempre di preparare le cose la sera prima, a partire dai vestiti. “Quello che interessa al bambino – dichiara Daniel Marcelli – è che sua madre sia felice e disponibile”. Questo è il caso di Coralie: “Da quando ho l’abitudine di dare un’occhiata all’armadio la sera prima, la mattina non entro più nella crisi del ‘non ho tempo!’. Così evito lo stress di dovermi provare i vestiti prima di uscire per andare a scuola e in ufficio. Anche perché finivo per l’indossare sempre gli stessi jeans”. Preparate prima anche i vestiti dei bambini, che si vestano da soli o no. Inoltre, se li rendete partecipi della scelta dei vestiti, eviterete cambi dell’ultimo minuto e le tensioni che ne derivano.

Un altro trucco è apparecchiare la tavola per la colazione dopo aver cenato. È vero, non sembra molto entusiasmante, ma è davvero efficace. La mattina avrete guadagnato dei minuti… ed i minuti sono preziosi!


LEGGI ANCHE: Come gestire al meglio il dono del tempo: un impegno per il cristiano


3. Scandite il tempo

Per risparmiare tempo al mattino, è essenziale che stabiliate dei limiti molto precisi. “I bambini dovrebbero comprendere i ritmi della vita”, spiega lo psichiatra Marcelli. “Bisogna trovare un buon sistema di organizzazione del tempo”.

Un orologio da parete permette di controllare il tempo in modo più discreto di quanto non si possa fare con un orologio o con un cellulare. Ad un dato orario bisogna aver terminato la colazione, anche se qualcuno non ha ancora finito il toast. Ad un altro orario tutti devono essere vestiti… Questa programma mattutino permette di sapere sempre se è in ritardo o meno, e permette di darsi una mossa… giusto in tempo!

[Traduzione dallo spagnolo a cura di Valerio Evangelista]

Condividi
Commenta
Questa storia ha come tag:
figligenitoritempo
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni