Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 18 Maggio |
San Leonardo Murialdo
home iconArte e Viaggi
line break icon

La Giordania, terra di importanti luoghi sacri per i musulmani, ebrei e cristiani

JEFFREY BRUNO

Daniel R. Esparza - Aleteia - pubblicato il 06/03/17

L'industria del turismo della Giordania sta vivendo un periodo eccezionale, con più di sei milioni di visitatori nel 2016

Nel 2016 la Giordania ha ricevuto più di sei milioni di visitatori. Un aumento del 33,5% rispetto all’anno precedente. Il Regno hashemita si sta ora concentrando sulla promozione delle destinazioni turistiche di tipo religioso – soprattutto della sua eredità cristiana – per renderle il centro delle strategie del governo giordano in modo da continuare a far crescere il flusso di visitatori stranieri.

Recentemente, riporta l’Agenzia Fides, l’attuale ministro giordano per il turismo e le antichità Lina Annab ha visitato il Libano con l’intento di presentare, ai rappresentanti delle Chiese e alle agenzie turistiche libanesi, le mete bibliche e i luoghi legati ai racconti del Vangelo e alla storia del cristianesimo. Luoghi come Betania, Madaba, Monte Nebo, Anjara, Salt, Gerasa, Petra e Aqaba sono naturalmente, insieme a Tiro, in cima alla lista. Padre Khalil Alwan, collaboratore del patriarca maronita Bechara Boutros Rai, ha ricordato che “Cristo stesso è passato per Tiro, e i primi Sinodi della Chiesa hanno avuto luogo a Beirut, Tripoli e Tiro”.

Progetti come questo non solo aiuteranno la Giordania a trarre profitto dalla sua eredità storica e culturale, ma permetteranno al resto del mondo di conoscere il ricco patrimonio della regione. In effetti, in Giordania vi sono importanti luoghi sacri a musulmani, cristiani ed ebrei, ed ora il Paese accoglie pellegrini da tutte e tre le fedi interessati a visitare non solo il sito di Petra, patrimonio mondiale dell’UNESCO (che viene citato più volte nel Vecchio Testamento), ma anche – come si legge in un articolo pubblicato dall’Oxford Business Group – luoghi di culto cristiani e musulmani tra le rovine romane di Gerasa, così come il mosaico del VI secolo, che ritrae la mappa di Gerusalemme e della Terra Santa, a Madaba.

[Traduzione dallo spagnolo a cura di Valerio Evangelista]

Tags:
giordaniaterra santaturismo
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Lucía Chamat
La curiosa fotografia di “Gesù” che sta commuovendo la Colombia
2
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
3
Pildorasdefe.net
Tentazioni tipiche del diavolo per distruggere i matrimoni
4
Aleteia
Gli avvisi divertenti che si leggono nelle parrocchie
5
chiara amirante,
Paola Belletti
Perché dobbiamo pregare per la guarigione di Chiara Amirante
6
Padre Maurizio Patriciello
L’amore di un prete per i fratelli omosessuali e le sue pre...
7
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni