Ricevi Aleteia tutti i giorni
Le notizie che non leggi altrove le trovi qui: inscriviti alla newsletter di Aleteia!
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

La Giordania, terra di importanti luoghi sacri per i musulmani, ebrei e cristiani

JEFFREY BRUNO
Condividi

L’industria del turismo della Giordania sta vivendo un periodo eccezionale, con più di sei milioni di visitatori nel 2016

Clicca qui per aprire la galleria fotografica

Nel 2016 la Giordania ha ricevuto più di sei milioni di visitatori. Un aumento del 33,5% rispetto all’anno precedente. Il Regno hashemita si sta ora concentrando sulla promozione delle destinazioni turistiche di tipo religioso – soprattutto della sua eredità cristiana – per renderle il centro delle strategie del governo giordano in modo da continuare a far crescere il flusso di visitatori stranieri.

Recentemente, riporta l’Agenzia Fides, l’attuale ministro giordano per il turismo e le antichità Lina Annab ha visitato il Libano con l’intento di presentare, ai rappresentanti delle Chiese e alle agenzie turistiche libanesi, le mete bibliche e i luoghi legati ai racconti del Vangelo e alla storia del cristianesimo. Luoghi come Betania, Madaba, Monte Nebo, Anjara, Salt, Gerasa, Petra e Aqaba sono naturalmente, insieme a Tiro, in cima alla lista. Padre Khalil Alwan, collaboratore del patriarca maronita Bechara Boutros Rai, ha ricordato che “Cristo stesso è passato per Tiro, e i primi Sinodi della Chiesa hanno avuto luogo a Beirut, Tripoli e Tiro”.

Progetti come questo non solo aiuteranno la Giordania a trarre profitto dalla sua eredità storica e culturale, ma permetteranno al resto del mondo di conoscere il ricco patrimonio della regione. In effetti, in Giordania vi sono importanti luoghi sacri a musulmani, cristiani ed ebrei, ed ora il Paese accoglie pellegrini da tutte e tre le fedi interessati a visitare non solo il sito di Petra, patrimonio mondiale dell’UNESCO (che viene citato più volte nel Vecchio Testamento), ma anche – come si legge in un articolo pubblicato dall’Oxford Business Group – luoghi di culto cristiani e musulmani tra le rovine romane di Gerasa, così come il mosaico del VI secolo, che ritrae la mappa di Gerusalemme e della Terra Santa, a Madaba.

[Traduzione dallo spagnolo a cura di Valerio Evangelista]

 

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.