Ricevi Aleteia tutti i giorni
Comincia la tua giornata nel modo migliore: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!
Aleteia

Perché i cattolici non mangiano carne i venerdì di Quaresima?

Condividi

E perché invece sul menu compare il pesce?

Sapete di essere in una città cattolica quando in Quaresima ogni ristorante promuove solo un alimento sul menu: il pesce! Ho notato che perfino le principali catene di fast food sottolineano sui loro volantini la data del Mercoledì delle Ceneri! All’improvviso a tutti interessano i periodi liturgici della Chiesa!

E allora perché la Chiesa dice ai cattolici di astenersi dalla carne i venerdì di Quaresima (così come il Mercoledì delle Ceneri e il Venerdì Santo) ma dà il via libera al pesce?

In primo luogo dobbiamo chiederci “Perché il venerdì?” La Conferenza dei Vescovi Cattolici degli Stati Uniti (USCCB) offre una breve spiegazione:

Da tempo immemorabile, i cattolici hanno riservato al venerdì un’osservanza penitenziale speciale mediante la quale soffrono volentieri con Cristo per poter essere un giorno glorificati con Lui. È questo il fulcro della tradizione dell’astinenza dalla carne il venerdì.


LEGGI ANCHE: Il digiuno nella disciplina della Chiesa


Visto che si crede che Gesù Cristo abbia sofferto e sia morto sulla croce di venerdì, i cristiani fin dall’inizio hanno stabilito che in quel giorno avrebbero unito le proprie sofferenze a quelle di Gesù. Questo ha portato la Chiesa a riconoscere ogni venerdì come “Venerdì Santo”, in cui i cristiani possono ricordare la Passione di Cristo offrendo un tipo specifico di penitenza.

Per buona parte della storia della Chiesa, la carne è stata scelta come sacrificio degno per via della sua associazione a feste e celebrazioni. Nelle culture più antiche la carne era ritenuta una prelibatezza, e il “vitello grasso” non veniva ucciso a meno che non ci fosse qualcosa da festeggiare.

Visto che il venerdì era considerato un giorno di penitenza e mortificazione, mangiare carne di venerdì per “festeggiare” la morte di Cristo non sembrava opportuno (alcuni vescovi hanno scelto di eliminare il veto quando la festa di San Patrizio, il 17 marzo, cade in un venerdì di Quaresima, visto che viene considerata una “solennità” da molti cattolici irlandesi).

Ma perché il pesce non viene considerato “carne”?

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni